Regard vers l’avenirGilad Shalit torna a festeggiare il suo compleanno dopo 5 anni di prigionia

Era il 25 giugno del 2006, Gilad Shalit venne rapito dal braccio armato del partito Hamas. Passò più di 5 anni con i suoi rapitori nel buio di una stanza senza poter vedere la propria famiglia e i ...

Era il 25 giugno del 2006, Gilad Shalit venne rapito dal braccio armato del partito Hamas. Passò più di 5 anni con i suoi rapitori nel buio di una stanza senza poter vedere la propria famiglia e i propri amici. Un calvario lunghissimo per un ragazzo che voleva e ancora oggi vuole essere un ragazzo normale, non una star. Dopo una trattativa interminabile, il 18 ottobre del 2011, venne liberato. Il mondo si fermò per abbracciare un fratello tornato a casa. Gilad, nei mesi successivi, prova a riprendersi con molta calma la sua vita. Viene anche in Italia in vacanza, tutti lo accolgono come un parente, uno di casa. Lui non dimentica di ringraziare tutti quelli che durante il suo periodo di prigionia si sono battuti fortemente per la sua liberazione. Oggi, dopo 5 anni di oblio, torna a festeggiare con gli amici di sempre il suo compleanno. Tanti auguri Gilad!

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Studenti 60€
Amici 120€
Sostenitori 600€
Benefattori 1200€
Maggiori Informazioni