Laboratorio SiciliaCrocetta manda i suoi in “car sharing” ma non svela ancora la giunta

E' la prima conferenza stampa di Rosario Crocetta da presidente della Regione in carica. La prima conferenza a Palazzo d'Orleans, sede della presidenza della Regione siciliana. Tantissimi giornalis...

E’ la prima conferenza stampa di Rosario Crocetta da presidente della Regione in carica. La prima conferenza a Palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione siciliana. Tantissimi giornalisti, presenti anche diverse testate straniere.

In questa prima conferenza da presidente in carica Crocetta ha disegnato le linee del suo programma. Per prima cosa Crocetta si è soffermato sui tagli:«Il rigore sarà il primo punto dell’attività della giunta e dell’Ars». Come? Tagli alla macchina burocratica regionale:«Ridurremo gli straordinari dei dipendenti del 20 o del 30 per cento. Decadranno tutte le consulenze, non ho intenzione di rinnovarle se non per giustificati motivi. Le consulenze dovranno essere l’eccezione e non la regola. Anche i dirigenti esterni saranno ridotti al minimo e soltanto in casi veramente importanti».

Altra cosa:«La Regione ha 13 società in liquidazione da anni, che continuano a creare debiti. Per questo è pronto un provvedimento che trasferirà tutte le competenze ai capi dipartimento della Regione. Ci sarà un risparmio di un miliardo di euro».

Tagli anche per il Parlamentino più vecchio d’Europa:«Niente più auto assegnate ad assessori e dirigenti, ma un parco di vetture in car sharing». E poi sugli stipendi dei “deputati regionali” ci scherza sù:«Fosse per me li avremmo già tagliati ma su quest’argomento la competenza è del Parlamento».

Insomma una prima conferenza stampa fatta di annunci a base di tagli e senza svelare la futura giunta “rivouzionaria”. Saranno tutte rose e fiori? Lo scopriremo presto…

giuseppealberto.falci@gmail.com

Twitter: @GiuseppeFalci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta