Laboratorio SiciliaE a Palermo c’è un dato ufficiale: zero seggi scrutinati

«Gentile collega, ti invio, in allegato, il riepilogo del voto in Sicilia delle Primarie della Coalizione di Centrosinistra. Si tratta di dati ufficiosi in attesa di verifica delle commissioni elet...

«Gentile collega,

ti invio, in allegato, il riepilogo del voto in Sicilia delle Primarie della Coalizione di Centrosinistra.
Si tratta di dati ufficiosi in attesa di verifica delle commissioni elettorali.

Grazie e buon lavoro».

Ore 12:21, il cronista siciliano de Linkiesta riceve questa mail. I dati, si legge nel comunicato inviato via mail, sono ancora «ufficiosi in attesa di verifica delle commissioni elettorali». Qualche minuto prima, dal quartier generale del Pd siciliano riferivano a Linkiesta che «tutti i dati sono stati comunicati, stiamo semplicemente facendo delle verifiche». «Non c’è stata nessuna anomalia. Parlare di “farsa”, come scrivono in tanti su twitter, è offensivo per tutti i volontari». E poi, continuano con Linkiesta, «in occasione delle politiche 2006, quando abbiamo vinto con Prodi per 23mila voti, il dato ufficiale è arrivato dopo tre giorni». Chiaro.

Tuttavia se andiamo a dare un’occhiata al sito ufficiale delle primarie del centrosinistra, troviamo i dati “ufficiali” relativi alla Sicilia a 00:27 del 26/11/2012. Ma il dato che colpisce maggiormento è quello relativo a “Palermo Città”. Un dato che non esiste visto che dal sito ufficiale delle primarie del centrosinistra non risulta scrutinato nessuno dei 29 seggi del capoluogo siciliano. Fantastico.

giuseppealberto.falci@gmail.com

Twitter: @GiuseppeFalci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta