Diario di una disoccupata perbeneMario Monti detto “il Robin Hood”

Lo stato da e lo stato toglie. Questo è il motto del novello Robin Hood Mario Monti, che una volta toglieva ai poveri per dare ai ricchi, ma che dopo le recenti manifestazioni di protesta si è ravv...

Lo stato da e lo stato toglie. Questo è il motto del novello Robin Hood Mario Monti, che una volta toglieva ai poveri per dare ai ricchi, ma che dopo le recenti manifestazioni di protesta si è ravveduto e quindi ora da ai poveri per poi riprendersi tutto con gli interessi.

Nel bel mezzo della mia mattinata da disoccupata tra un pò di stirare, un pò di cucinare e un pò di sana tv popolare mi arriva la telefonata dello sceriffo di Nothingham: il mio commercialista.

“Ah buongiorno, la chiamo perchè entro venerdì ci sarebbe da pagare la seconda parte delle tasse. Che fa, passa?”

Il solito panettone che ormai sto mangiando da 2 settimane mi si rigira nello stomaco e forse anche il bambino scalcia con gesti di spocchia, mentre una goccia di sudore freddo scende lentamente a perlarmi il viso.

Timidamente e con la voce di chi sta parlando con il Padrino chiedo: “Si…sa per caso dirmi quanto è l’importo?”

Momenti di silenzio. Gli ho tolto probabilmente l’insana soddisfazione, tipica dei commercialisti e degli esattori fiscali, di vedermi sbiancare di fronte a lui.

“Sarebbero 500 euro, centesimo più, centesimo meno”. Ringrazio educatamente e dico che passerò entro venerdì.

E la mia mente, per quanto poco matematica, come dicevano i miei ex datori di lavoro, comincia a lavorare alla “beautiful mind”, traendo le seguenti considerazioni:

sono disoccupata da maggio; a giugno mi sono arrivate le prime tasse, totale da pagare: 800 euro.

Ho saputo di essere incinta a luglio e ho chiesto, vista la mia mobilità e la disoccupazione l’esenzione per i ticket ed alcune visite.

Il tutto è stato negato perchè mio marito SFORTUNATAMENTE lavora ed essendo a carico suo non ho diritto ad alcuna esenzione. Totale da pagare: circa 100 euro al mese.

A settembre finalmente mi arriva il sussidio di disoccupazione: totale 700 euro al mese.

Con questi 700 euro vado a pagare le tasse che non avevo pagato a giugno e che mi ero fatta dilazionare in rate ridicole. Totale rimasto della disoccupazione: 0 Euro

Siamo a novembre e mi arrivano da pagare altre 500 euro di tasse, il che mi porta all’amara conclusione:

DISOCCUPAZIONE PERCEPITA: 2 MESI

TOTALE PERCEPITO: 1400 EURO

TOTALE TASSE DA PAGARE ALLO STATO: 1300 EURO

Bene, mi rimangono 100 euro da farmi bastare fino al 10 gennaio, oppure fino alle prossime nuove tasse….

Lo stato da e lo stato toglie. Caro Monti, se sarai ancora il nostro premier voglio ripsarmiarli tutti quei 100 euro per regalarti un bel costume da Robin Hood a carnevale.

Sai che bella festa, tra vari Batman e Robin Hood…io nel dubbio mi vestirò da Pantalone.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter