Apologia di SocrateDove andranno i voti di Giannino?

Chi si pone questa domanda ragiona come se gli elettori fossero dei buoi o dei beoti ipnotizzati dai colori di una giacca. Ok, ci sono quelli che si lasciano abbindolare dalle chiacchiere sull'IMU ...

Chi si pone questa domanda ragiona come se gli elettori fossero dei buoi o dei beoti ipnotizzati dai colori di una giacca.

Ok, ci sono quelli che si lasciano abbindolare dalle chiacchiere sull’IMU o sui milioni di posti di lavoro, ma dubito seriamente che rientrino tra i potenziali elettori di FARE.
Il motivo è semplice: se devi votare un imbonitore che promette cose irrealizzabili tra i vecchi partiti c’è solo l’imbarazzo della scelta. Anzi quanto a promesse di dubbia fattibilità ci metterei pure qualche partito nuovo.

Chi sono allora questi elettori perduti di Giannino?

Non esistono perché non sono elettori di Giannino.

Le persone che, presumibilmente erano intenzionate a votare per FARE prima delle dimissioni del leader lo facevano probabilmente per:

  • la rottura con tutti i partiti precedenti (in comune con grillo, ma non con Monti)
  • un programma serio e credibile basato su analisi solide e articolate in dettaglio numerici (unico nel panorama politico italiano)
  • alcuni principi di fondo come meritocrazia, trasparenza, responsabilità
  • la credibilità dei fondatori e degli aderenti estranei ai meccanismi della vecchia politica

Cosa è cambiato con le dimissioni del leader?
Il programma è ancora lì ed anche le persone. Trasparenza e responsabilità non solo sono ancora valori fondanti, ma sono stati dimostrati sul campo con la gestione pubblica del problema, l’assunzione di responsabilità e dalle dimissioni (confermata in televisione l’intenzione di rimettere il seggio al partito in caso di elezione).

Certo molti sono delusi dal comportamento di uno dei fondatori, da quello che più rappresentava il partito e che più si è speso per lanciarlo. Ma è sufficiente lo sbaglio di una persona a vanificare gli sforzi di più di settantamila aderenti?

A rendere meno efficace un programma unico per solidità e concretezza?

Ora che la prova dei principi è stata superata chi è rimasto deluso dovrebbe correre a votare…
… chi?
Chi era al governo mentre il paese andava a rotoli ed è causa del declino che osserviamo?
Chi propone cose vaghe, senza indicare un numero, nella speranza che il parco buoi continui a votarlo?

Io credo che chi si aspetta di intercettare quei voti in fuga (che non si capisce da cosa dovrebbero fuggire) sta prendendo un grosso abbaglio.

@massimofamularo
Blog Personale

Profilo Linkedin

Noisefromamerika

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta