Scienza&SocietàI Grillini del PD

    I Grillini del PD. Mio fratello. Ci siamo incontrati dopo 4 anni, per la differenza di età, nel comune amore per la buona politica che cambia le cose. E la vita delle persone. Abbiamo scambiato...

I Grillini del PD. Mio fratello. Ci siamo incontrati dopo 4 anni, per la differenza di età, nel comune amore per la buona politica che cambia le cose. E la vita delle persone. Abbiamo scambiato letture, riflessioni, analisi, militanza e percorso politico. Sempre a sinistra. Quel filo, quei miti, quelle speranze di un cambiamento reale, quei leaders anzi dirigenti. Fino al PD. Ora, guardando lo tsunami della crisi, che travolge tutto e tutti, che cancella il futuro di milioni di persone, si sente tradito, non crede assolutamente che da lì possa venire il cambiamento. E vota M5S. Grillo.

Gianni. Lavora in banca. Eletto in zona come indipendente nella lista del PD. Zona, dove ancora si fa politica per passione. Dove puoi scovare la cittadinanza attiva. Fa politica per servizio ai cittadini. Ed è bravo. Quanti progetti insieme per innovare la politica. Per aprire spazi di partecipazione e di democrazia. Sulla rete e sui territori. Bravo davvero, perché testimonianza di una politica alta. Ed altra. Di servizio. Di volontariato civico. Bravo e per questo emarginato, tenuto fuori dagli apparati. Intorno a lui i Bravi e le loro carriere. Ha votato M5S.

Sergio, ai tempi era stato assessore del comune per democrazia proletaria. L’immaginazione al potere. Allora come adesso. Sentirlo ti fa innamorare della politica. Nel PD, credendo in un partito aperto, dei e per i cittadini, per cambiare la politica. E con questa il paese. Per questo emarginato. A volte deriso come Don Chisciotte. Ora nel M5S.

E quanti grillini che partecipano attivamente negli spazi di politica partecipata che Insieme per il PD ha aperto sul web 2.0. Erano partiti con noi, credendo nel partito dei cittadini, orizzontale aperto. Un partito nuovo. Di nuovo poi hanno visto poco. E sono passati al M5S. Ma sono rimasti con noi in rete.

Quando facemmo il nostro incontro nazionale a Bologna (vedi video presentazione) che fu esempio di capacità di innovare i modi ed il linguaggio di un evento politico, i giornali ci definirono, noi nativi del PD, noi di Insieme, i “grillini del PD”. Già, i grillini, i paria della politica. Grillino, l’epiteto della politica.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta