L'ItabolarioA casa

Anni fa Guido Viale - storico leader di Lotta continua torinese e poi ambientalista e intellettuale - scrisse un bel libretto dal titolo "A casa". Vi si raccontava, con accenti positivi, il cosidde...

Anni fa Guido Viale – storico leader di Lotta continua torinese e poi ambientalista e intellettuale – scrisse un bel libretto dal titolo “A casa”. Vi si raccontava, con accenti positivi, il cosiddetto “riflusso”, cioè il disimpegno politico seguito agli anni della militanza studentesca e del movimento degli anni Sessanta e Settanta. Un disimpegno che, nel caso di Viale, era in realtà un altro tipo di impegno: sull’ambiente, sui diritti, meno collettivo e più, appunto, domestico.

Ci ho ripensato recentemente per ragioni personali. Ho sempre amato lavorare in casa, svegliarmi e mettermi direttamente al computer e al telefono, spesso anche prima di colazione. Oppure a leggere e studiare. Ma l’ho sempre amato per una ragione precisa: avevo sempre un ufficio dove poter andare!

Gli economisti e gli esperti di lavoro spiegano giustamente che le abitudini di lavoro sono cambiate. In molti settori non ha senso parlare di timbratura, cartellini, orari di lavoro rigidi. Si lavora col computer, spesso con il laptop o addirittura con lo smartphone. Si lavora mentre ci si sposta, mentre si mangia, magari mentre si sta in vacanza. Si lavora con l’estero, ovvero con fusi orari diversi. E dunque si lavora la sera, la notte, e magari la mattina si dorme.

Questa novità ha degli aspetti certamente positivi. Si possono conciliare meglio lavoro e famiglia. Si abbattono i costi e i tempi del trasporto. Spesso si inventano professioni innovative che arricchiscono economia e cultura.

Ma, pensavo, che generazione saremo, sempre più abituati a fare tutto da casa? Usciremo sempre meno per lavorare, ma anche per socializzare (grazie ai vari social) e persino per consumare (e-commerce e consegna a casa tramite internet)? Agli psicologi e ai sociologi la risposta. Certo, il rischio è di scoprirci più soli. Senza neanche la tanto vituperata pausa-caffè in ufficio.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta