#ildiscorsodelreDove va l’informazione? Segui i soldi

Come recita il vecchio adagio, segui i soldi se vuoi trovare il colpevole. Ovvero, segui la pubblicità. Secondo l’ultimo report di eMarketer, infatti, il mobile advertising continua a crescere più ...

Come recita il vecchio adagio, segui i soldi se vuoi trovare il colpevole. Ovvero, segui la pubblicità. Secondo l’ultimo report di eMarketer, infatti, il mobile advertising continua a crescere più velocemente del previsto. In particolare, gli esperti si aspettano che gli investimenti pubblicitari su mobile negli Stati Uniti sfioreranno, entro la fine dell’anno, i 10 miliardi di dollari per una crescita pari al 120% rispetto allo scorso anno quando si superarono i 4 miliardi complessivi ($4,36 miliardi).

E per il 2014? Le previsioni confermano un’ulteriore crescita del 56%, a quota 15 miliardi di dollari.

Le ragioni? Per esempio, l’uso sempre più intensivo degli smartphone. Un trend che sta sconvolgendo il modo di fare informazione come spiegano al Wall Street Journal i tipi di Mashable, Buzzfeed e Circa.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta