#ildiscorsodelreMashable annuncia $13,3 milioni di aumento di capitale e maxi investimenti nel native advertising

A quasi dieci anni dalla sua fondazione Mashable, tra i blog più popolari al mondo secondo Technorati, annuncia il suo primo aumento di capitale esterno per un valore pari a 13,3 milioni di dollari...

A quasi dieci anni dalla sua fondazione Mashable, tra i blog più popolari al mondo secondo Technorati, annuncia il suo primo aumento di capitale esterno per un valore pari a 13,3 milioni di dollari. Tra gli investitori anche l’Italiano Elio Leoni Sceti e Mr David Jones, lunga carriera nella pubblicità e oggi Global CEO di Havas, ovvero top 10 delle più influenti società di comunicazione al mondo.

L’obiettivo è quello di rafforzare le attività di native advertising del sito web considerata essere un’area ad altissimo tasso di sviluppo dal suo fondatore e CEO, Pete Cashmore, scozzese dal cognome profetico, attraverso contenuti ad hoc ideati per la connected generation.

Un segno di crescita nella continuità, quindi, che coinvolge anche le operation aziendali vista la nuova e più ampia sede newyorchese entro la fine del 2014 e l’apertura di altri uffici a Los Angeles e Londra. Ma non si annunciano giri di vite nella proprietà, stando a quanto riporta la CNN che, solo nel 2012, ne sfiorò l’acquisizione.

La curiosità. Grazie a questo aumento di capitale Mashable si aggiunge ad altre media startup come VoxMedia, BuzzFeed e Business Insider che, per lo sviluppo dei propri progetti, ha fatto ricorso a capitali di rischio esterni.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta