SicilianamenteVenerdì Santo. Gesù “in pasto” agli uomini

  Crocifisso come un uomo qualunque. Il valore del Venerdì Santo, per chi crede, è la mortificazione esistenziale del figlio di Dio.  La lacerazione di una vita consumata sotto le risa dei soldati...

Crocifisso come un uomo qualunque. Il valore del Venerdì Santo, per chi crede, è la mortificazione esistenziale del figlio di Dio. 

La lacerazione di una vita consumata sotto le risa dei soldati dell’Impero, nel pianto delle donne e della Madre. Il figlio di Dio si è fatto uomo e ha deciso di buttarsi in pasto all’Umanità. Umanità misera, oggi come ieri, che ha fatto della debolezza e dell’inganno la propria migliore virtù. 

Gesù scende all’inferno e ci da l’insegnamento della Croce. Quella Croce simbolo di una cristianità redenta, di una Salvezza per l’Umanità. 

L’immagine della sua morte si perpetua nei secoli. E nelle sue spine e nel suo sangue un briciolo di Umanità cerca ancora redenzione e salvezza. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta