FocusMéditerranéeMed Equality. La fotografia per promuovere politiche di uguaglianza nell’area euro mediterranea

di Silvia Dogliani| Focus Méditerranée In alcune aree del Mediterraneo sono ancora presenti discriminazioni tra uomo e donna. Proprio da questa considerazione parte la campagna fotografica Med Equa...

di Silvia Dogliani| Focus Méditerranée

In alcune aree del Mediterraneo sono ancora presenti discriminazioni tra uomo e donna. Proprio da questa considerazione parte la campagna fotografica Med Equality– Promotion of Policies for Equality in Euro-Med Region, un progetto nato per stimolare la riflessione sulla necessità di promuovere politiche di uguaglianza nella Regione euro mediterranea. L’iniziativa è finanziata dall’Unione europea e promossa dal Coppem (Comitato Permanente per il Partenariato Euro-Mediterraneo dei Poteri Locali e Regionali).

“Se la parità emerge la società respira” è lo slogan della campagna firmata dal fotografo Danilo Iurato, che coinvolgerà Palestina, Malta, Algeria e Spagna, partner del progetto. Cinque donne diverse per cultura, età e tratti somatici sono le protagoniste della campagna . L’acqua, che rappresenta il Mediterraneo, è l’unico filo conduttore. Le fotografie selezionate verranno esposte in ciascun Paese nel rispetto delle differenze culturali tra Occidente e Stati islamici.

Fra gli obiettivi del progetto per i prossimi due anni vi è anche l’elaborazione di una Carta euromediterranea per l’eguaglianza tra uomini e donne all’interno degli Enti locali, nel lavoro, nelle relazioni sociali e da parte delle istituzioni.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta