Diario di una disoccupata perbeneDopo Alexis Zorba, Alexis Tsipras “insegna” all’Europa a ballare il Syrtaki del NO

ADVERTISEMENT  “Insegnami a ballare, lo farai?” “Ballare? Vieni ragazzo, ho tante cose da dirti.”         Era il 1964 quando Anthony Quinn interpretava magistralmente il ruolo di Alexis Zorbas,...

ADVERTISEMENT

“Insegnami a ballare, lo farai?” “Ballare? Vieni ragazzo, ho tante cose da dirti.”        

Era il 1964 quando Anthony Quinn interpretava magistralmente il ruolo di Alexis Zorbas, conosciuto come Zorba il greco, un personaggio ottimista in grado di superare ogni difficoltà del momento.

L’altro ieri, 5 luglio 2015 Alexiz Tsipras, conosciuto come Tsipras il greco, ha trionfato ad un referendum storico che ha visto oltre il 60% di No, o in greco Oxi, sulle proposte dei creditori di Atene in cambio di ulteriori finanziamenti per il salvataggio del Paese. Ciò, oltre a prospettare l’uscita della Grecia dall’euro come panorama più probabile, genererà un’onda contagiosa in tutta Europa, proprio come le note della sua canzone più popolare, siete pronti per l’ “effetto Syrtaki”?

Nella scena finale del film, Basil annuncia a Zorba la sua imminente partenza e la promessa di ritrovarsi un giorno, chiedendogli di insegnargli il syrtaki, che più volte aveva provato a ballare da solo, senza esito. La somiglianza fisica tra Basil, alias Alan Bates e il nostro premier Matteo Renzi sarà un presagio?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta