Federico Iarlori
From Paris with blog
7 Febbraio Feb 2017 1500 07 febbraio 2017

Nato con la camicia

Macron

Ve lo ricordate quel pattinatore che vinse la medaglia d’oro alle Olimpiadi del 2002 grazie alle tragicomiche cadute dei suoi avversari? Bene, quell’uomo potrebbe tranquillamente chiamarsi Emmanuel Macron.

E’ il favorito delle Presidenziali e non ha fatto assolutamente niente, altro che il Prodi che “sta fermo” di Corrado Guzzanti. Ha solo aspettato che gli altri si eliminassero da soli. Vabbè, il Presidente uscente François Hollande ha rinunciato ancora prima di iniziare (e ci mancherebbe altro), Sarkozy e Juppé (i favoriti a destra) sono stati eliminati alle primarie, così come Manuel Valls (il favorito a sinistra), pure lui fuori alle primarie del Partito socialista; al centro, invece, non si è candidato nessuno, nemmeno il veterano delle candidature inutili François Bayrou. Come se non bastasse, pure François Fillon è stato (più o meno) fatto fuori dallo scandalo che ha coinvolto la moglie Pénélope e i suoi figli. Chi resta? Solo Marine Le Pen. Quale elettore non sceglierebbe il meno peggio in vista di un eventuale secondo turno con Macron?

Insomma, c’è gente che nasce con la camicia. Gente che va a braccetto con i poteri forti della finanza internazionale, ma gioca a fare il paladino del popolo e scrive un libro che si intitola Révolution (e il popolo lo compra pure); gente che fa il ministro dell'Economia in un Governo fallimentare sotto ogni punto di vista (ma soprattutto sulle questioni economiche), ma tutti sembrano esserselo dimenticato (mentre Hollande e Valls hanno pagato caro il loro fallimento); gente che dice solo banalità in un "politichese" che più stucchevole non ce n’è, ma nessuno ha il coraggio di pronunciare la parola "populismo", perché il monopolio di quel termine è appannaggio di Marine Le Pen; gente che non si preoccupa neanche di presentare uno straccio di programma sul quale essere eletto, ché tanto non ce n’è bisogno, tutta la stampa è già dalla sua parte e lo considera come il messia, così fresco, giovane e ottimista (e sticazzi?).

Insomma, c’è gente come Emmanuel Macron.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook