Disastro Italia, i giovani non trovano lavoro nemmeno nel digitale

È in fondo in ogni classifica europea: abbiamo il più basso numero di lavoratori nell’ITC, pochissimi laureati e pochissimi giovani. Nessuno investe, nessuno crea. E perfino la Spagna ci ha superati

Getty Images 136023883

ALBERTO PIZZOLI / Getty Images

3 Novembre Nov 2016 0829 03 novembre 2016 3 Novembre 2016 - 08:29
Messe Frankfurt

L’ICT, cioè l’Information and Communications Technology, è il settore guida dell’innovazione e della crescita. Se è ampio e occupa una rilevante porzione dei lavoratori, significa che il futuro economico del Paese sarà, con ogni probabilità, buono. Non a caso, verrebbe da pensare, in Italia l’ICT occupa soltanto il 2,5% dei lavoratori, mentre la media europea è al 3,5%. Ma non solo.

Se si getta uno sguardo all’interno della composizione di questa forza lavoro, si può notare nella sua interezza il gap, ormai incolmabile, con il resto d’Europa, e si ha la rappresentazione plastica della condizione disperante dei giovani e dei laureati italiani.

Innanzitutto, l’ICT è un settore di uomini. Non è una novità, è un tema discusso, soprattutto negli Usa. A livello di quote di lavoratori di sesso femminile, l’Italia si pone sotto la media europea, cioè al 13,8%, ma in confronto ad altri indicatori, e considerando che d’altronde siamo tra gli ultimi come percentuale di donne occupate tout court (sotto il 50%), non ce la caviamo neanche così tragicamente.

Tutti i dati delle tabelle sono Eurostat

Le note dolenti vengono ora. Osservando la percentuale di laureati tra tutti coloro che lavorano nella comunicazione o nella tecnologia, l’Italia è miseramente ultima con un umiliante 33,1%, cioè 15 punti sotto la penultima, la Germania, che vanta però un’istruzione tecnica superiore con cui sostituisce, di fatto, parte di quella universitaria. La media europea è lontanissima: 60,5%, e irraggiungibili le statistiche di Spagna, Francia, Irlanda, Lituania, dove si va sopra il 70%.

Nel tempo c’è stato un certo aumento, dal 20% del 2014 al 33% di oggi, ma largamente inferiore a quello che sarebbe stato necessario per diminuire il gap con i Paesi vicini in modo significativo.

Rimane un mistero frustrante il motivo per cui in Spagna, un Paese per alcuni versi così simile al nostro e colpito da una crisi economica devastante, il settore ICT annoveri tra i propri occupati in grandissima parte laureati, quasi l’80%, più del doppio che in Italia. Sarà un caso che nonostante l’instabilità e la frammentazione politica oggi la Spagna cresca del 3,5% contro il nostro asfittico 0,8%?

Non può essere una scusa neanche l’esiguo numero di laureati tra i lavoratori in Italia, solo il 21%. In altri Paesi, soprattutto quelli dell’Est in cui vi sono ancora molte produzioni a poco valore aggiunto e le nuove generazioni sono molto più istruite delle vecchie, ma anche in Spagna, appunto, la differenza tra la quota di laureati nel settore ICT e nel resto dell’economia è più del 30%. L’Italia per le proprie caratteristiche strutturali avrebbe dovuto essere tra questi Paesi, e invece no, i laureati nell’ICT sono solo il 12% in più che negli altri settori.

Non è tuttavia l’unico ultimo posto di cui ci dobbiamo crucciare. Ce n'è uno forse anche peggiore. E riguarda i giovani. Siamo il Paese in cui meno giovani sotto i 35 anni sono impiegati persino nell’ICT, solo il 25,4%, contro una media europea del 36,4%. È umiliante il confronto con quei Paesi “nuovi” ad alta crescita, quasi tutti dell’Est, in cui i giovani sono più della metà dei lavoratori nell’alta tecnologia.

E anche qui ci sono pochi alibi: è vero che siamo tra i Paesi più vecchi al mondo, ma Lituania, Bulgaria, Lettonia, Estonia non hanno certo vissuto un boom di nascite gli ultimi 30 anni, anzi, i giovani sono pochissimi anche in questi Stati, eppure sono la spina dorsale dei settori economici più innovativi.

La quota di giovani nell’ICT è diminuita un po’ ovunque in seguito all’invecchiamento della popolazione, ma soprattutto della crisi economica, che ha sacrificato in particolare non i lavoratori meno produttivi, bensì quelli con un contratto più debole, a progetto, a partita IVA, a tempo determinato, quelli che stavano dalla parte sbagliata dell’apartheid lavorativo che viviamo da due decenni, i più giovani.

Non a caso in Italia il calo della quota di under 35 è stato più marcato che Francia, Germania, Regno Unito. E pensare che nel 2004 la proporzione di giovani nel settore ICT era addirittura superiore a quella della media UE.

Un altro effetto palpabile della devastante crisi economica che abbiamo vissuto, dunque.

Le ragioni sono molte, mancanza di investimenti, né interni, né stranieri, dimensioni troppo microscopiche delle aziende, sia nell’ICT che nel resto dell’economia, focalizzazione eccessiva sulla comunicazione (con margini in calo) e non sulla tecnologia.

Siamo tra i Paesi meno digitalizzati, dove meno si usa la carta di credito o si fanno acquisti online.

Così l’Italia si ritrova sempre più lontana dal resto del continente, come in un’anomala situazione di declino, lo si vede chiaramente se incrociamo le quote di giovani e laureati nel settore ICT.

Nel 2015 eravamo ancora più isolati che nel 2004, quasi alla deriva.

Potrebbe interessarti anche