Mi consentoCaro Pd, ma i 45mila euro delle primarie di Napoli?

Caro Pd, ma i 45mila euro delle primarie di Napoli?

Non saranno i soldi del Belice, ma dove siano finiti i 45mila euro versati dai napoletani per le inutili primarie il Pd dovrebbe pur dircelo. Siamo ormai al termine della terza settimana e del pasticciaccio partenopeo non se ne sa più niente. Come se nulla fosse accaduto. E, soprattutto, come se il partito non dovesse una spiegazione a chi, domenica 23 gennaio, è uscito di casa credendo di partecipare a una competizione seria, con regole chiare.

E invece in queste tre settimane nessuno del Pd ha chiesto scusa e pazienza ai propri elettori. Il partito ha fatto nascere e poi alimentato uno psicodramma che va ancora in scena. La storia, per chi non la ricordasse, è questa. Cinque candidati per guadagnarsi il diritto a candidarsi a sindaco di Napoli. Superfavorito è Umberto Ranieri, legato al presidente Giorgio Napolitano, e appoggiato dai principali quotidiani della città. A sorpresa, invece, la spunta Andrea Cozzolino, eurodeputato ma soprattutto ex assessore regionale all’Agricoltura col marchio d’infamia di essere bassoliniano. Apriti cielo. L’indomani, a leggere i quotidiani sembra quasi che abbia vinto un seguace di Sandokan, il boss di Casal di Principe.

Succede di tutto. Cozzolino è accusato di brogli: avrebbe pagato gli elettori, soprattutto nei quartieri periferici, quelli a più alto rischio di infiltrazione camorristica; Veltroni va in tv a denunciare il voto di cinesi (peraltro con regolare permesso di soggiorno) come se fosse un leghista qualsiasi; fino al colpo di teatro: prende la parola Roberto Saviano e di fatto annulla le primarie e indica il magistrato anticlan Raffaele Cantone come la persona ideale per la rinascita di Napoli. Tempo un’ora e il segretario del Pd Pierluigi Bersani lo segue e congela la proclamazione del vincitore. Da allora, l’unico atto del partito è stata la sospensione delle cariche locali e la nomina di un commissario, Andrea Orlando.

In un partito normale di un Paese normale (ah, caro D’Alema) si sarebbe proceduto nel seguente modo: o Cozzolino ha imbrogliato e allora va espulso dal partito, o Cozzolino ha vinto regolarmente e quindi va proclamato vincitore. Non ora, non qui, direbbe Erri De Luca. La notizia è scomparsa dalle pagine nazionali, e sui quotidiani napoletani si alimenta uno sterile dibattito sul che fare. Claudio Velardi propone di tornare al voto e nominare dei garanti tra cui Saviano. Il partito invece fa pressing per convincere Cozzolino a fare un passo indietro e briga per trovare la cosiddetta soluzione politica. O meglio, ecumenica, visto che anche qui cercano il papa straniero. Nel frattempo, tutt’attorno, sono cumuli d’immondizia, festival teatrali che vengono soppressi, artisti che litigano e abbandonano il museo d’arte contemporanea Madre.

Zitto zitto, intanto, Antonio Bassolino si sta ridestando dal suo torpore. Va in giro a presentare il suo libro. Dice la sua sulle primarie (che peraltro non voleva), chiedendo che almeno venga proclamato il vincitore, foss’anche solo per le statistiche. E pare che si sia anche ripreso un addetto stampa. Come si dice? Beati monoculi in terra caecorum… Invece i 45mila napoletani che quella domenica si erano illusi che si trattasse di una cosa seria stanno ancora aspettando. Almeno che sia loro restituito l’euro.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta