Berlusconi, due debacle in quindici giorni

Berlusconi, due debacle in quindici giorni

Due debacle in meno di quindici giorni. John Hopper, corrispondente da Roma del Guardian, scrive che a parte l’effetto – Fukushima il raggiungimento del quorum significa che gli elettori italiani hanno voltato le spalle al proprio ruspante primo ministro.
http://goo.gl/BNSTI

Sul Financial Times Guy Dinmore spiega che nonostante nei giorni scorsi Berlusconi avesse dichiarato che il Governo sarebbe andato avanti lo stesso a dispetto del risultato del referendum, l’esito delle urne ha un significato ben preciso: gli elettori vogliono fare sentire la loro voce.
http://goo.gl/1WKuq

Il Wall Street Journal si concentra soprattutto sulla vittoria del no al nucleare, cercando di capire quali saranno le implicazioni per la politica energetica italiana.
http://goo.gl/JLBjT

Sull’agenzia finanziaria americana Bloomberg, la vittoria dei sì al referendum potrebbe minare ulteriormente la credibilità della coalizione di Berlusconi: le elezioni anticipate non sono più una possibilità così peregrina.
http://goo.gl/chI4z 

Per il quotidiano francese Les Echos il responso delle urne è un giudizio severo sulla coalizione guidata da Berlusconi. Anche il foglio economico transalpino ora punta l’attenzione sulla Lega Nord.
http://goo.gl/zatos

Per El Paìs il raggiungimento del quorum in tutti i quesiti referendari indica che «è evaporata la fiducia tra Berlusconi e gli elettori che lo hanno votato tre anni fa». Ora diventa centrale il ruolo della Lega Nord.
http://goo.gl/qBTSz

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta