L’Europa non vuole un ministro delle Finanze

L’Europa non vuole un ministro delle Finanze

Apertura del Financial Times sulla proposta di Jean-Claude Trichet di creare un ministro delle finanze comunitario per gestire una maggiore integrazione delle politiche monetarie dei singoli Paesi. Sulle quali, qualora dovessero danneggiare gli altri Stati, l’Europa potrebbe avere un potere di veto.
http://goo.gl/yRfk3

Le agenzie di rating se la prendono anche con gli Usa. Ieri Moody’s ha annunciato che se entro due settimane non verrà aumentato il tetto del debito, oggi a 14,3 trilioni di dollari, il Paese sarà sottoposto a una procedura di revisione per un possibile downgrade.
http://goo.gl/pH0A9

Dopo la frode di Jerome Kerviel, nuova tegola per SocGen. La Lia, il fondo sovrano libico, avrebbe investito nella banca francese 1 miliardo di euro, che oggi ha perso il 72% del suo valore. Lo scoop del Financial Times:
http://goo.gl/Ax3ug

Anche l’apertura del Wall Street Journal è dedicata alle parole di Trichet sull’integrazione fiscale dell’Europa. Idee, scrive il quotidiano americano, che non faranno proseliti molto presto. Togliere agli Stati la sovranità sulla politica monetaria, dopo la sovranità monetaria, non è semplice.
http://goo.gl/m8l0D

Sul Wall Street Journal un’analisi dell’imminente Ipo di Groupon. La bacheca di offerte speciali fondata soltanto due anni fa è pronta per seguire l’onda della nuova bolla tecnologica Usa. A differenza di Linkedin, che non ha un chiaro modello di business, i ricavi di Groupon sono pari a 700 milioni di euro l’anno.
http://goo.gl/gcMLf

Per il Wsj sarà un giugno di cruciale importanza per il futuro di Atene. L’agenda dei meeting europei è fitta e i leader non possono più riscadenzare le decisioni sul default greco come negli ultimi mesi.
http://goo.gl/FViVO


Interessante articolo sul New York Times che svela come nemmeno gli avvocati siano esclusi dall’outsourcing. Le agenzie di lavoro interinali hanno infatti iniziato a includere offerte di lavoro per avvocati part time o legati a singole cause.
http://goo.gl/aF7gN

Il Washington Post lancia l’allarme cetrioli assassini: la FDA americana, l’ente che si occupa di testare i farmaci, ha analizzato e cercato di eliminare un ceppo di E.Coli diverso da quello che ha fatto 17 vittime in Europa.
http://goo.gl/Ju7MF

Su Usa Today i guai del senatore John Edwards. Sembra che durante l’ultima campagna elettorale avesse avuto un figlio da un’amante mentre sua moglie combatteva contro il cancro. http://goo.gl/TmdjS

L’Independent dedica ampio spazio al panel Onu sulle droghe leggere che si è svolto ieri. La conclusione: il proibizionismo non funziona, legalizziamole.
http://goo.gl/F6kYF

Sul Daily Telegraph un’esplosione alla raffineria Chevron nel sud del Galles avrebbe ucciso sei persone. Sembra che si tratti di un incidente che non dipende da errore umano.
http://goo.gl/nkFrv


Secondo Le Monde la Germania potrebbe indennizzare i contadini spagnoli per i 200 milioni di euro persi in una settimana a causa della psicosi da cetriolo killer. Ieri in un colloquio telefonico con Zapatero Angela Merkel avrebbe promesso una soluzione «conforme al diritto Ue».
http://goo.gl/eRgd6

Il quotidiano economico Les Echos riporta, tra le polemiche, la decisione di Parigi di aumentare il biglietto della metro del 2,7%, in piena stagione turistica estiva.
http://goo.gl/YUHKZ

Sulla Suddeutsche Zeitung un editoriale sulla crisi del cetriolo. La mossa, da parte di Angela Merkel, di annunciare la pericolosità dei cetrioli principalmente provenienti dalla Spagna non è stata lungimirante e potrebbe portare pesanti conseguenze diplomatiche.
http://goo.gl/iOcjw

El Economista, principale quotidiano economico spagnolo, si scaglia contro l’Eba, il regolatore bancario europeo, per il ritardo nella pubblicazione dei risultati degli stress test europei, slittato a luglio. Un posticipo che crea ulteriore incertezza sulle condizioni delle cajas.
http://goo.gl/1n0sc

Sul Japan Times il primo ministro Naoto Kan ha superato il voto di fiducia del parlamento giapponese sulle sue dimissioni, quindi formalmente è ancora in carica, ma con quello che è accaduto a Fukushima difficilmente cambierà idea.
http://goo.gl/mEkbD
 

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter