5 agosto, muoiono Marilyn e il matrimonio riparatore

5 agosto, muoiono Marilyn e il matrimonio riparatore

5 agosto 1949

Ecuador. Un terremoto devastante (6,8 della scala Richter) colpisce le province di Tungurahua, Cotopaxi e Chimborazo. I morti sono oltre seimila, 40mila i feriti, 150 mila i senzatetto.

5 agosto 1962

Stati Uniti.  Marilyn Monroe viene trovata morta nella sua casa di Los Angeles, apparentemente a causa di un’overdose di sonniferi. Nella foto, l’attrice nel 1954 durante una visita alle truppe Usa in Corea.

5 agosto 1973

Unione Sovietica. L’Urss lancia una missione verso Marte, la Mars 6. La sonda raggiungerà il pianeta rosso il 12 marzo 1974 e invierà dati alla terra. Le spedizioni su Marte (da 1 a 7) saranno celebrate da questo francobollo:

5 agosto 1981

Stati Uniti. Il presidente Ronald Reagan licenzia 11.359 controllori di volo della Patco che hanno ignorato il suo ordine di interrompere lo sciopero iniziato il 3. Il provvedimento senza precedenti rivoluzionerà le relazioni sindacali negli Usa.

5 agosto 1981

Italia. Viene abolito il «matrimonio riparatore». Fino ad allora se un uomo stuprava una donna nubile poteva evitare l’incriminazione penale offrendo alla ragazza le nozze, addosandosi però le spese della cerimonia e senza pretendere la dote. Nell’immagine la locandina di La moglie più bella, film di Damiano Damiani del 1970, con una giovanissima Ornella Muti che rifiuta il matrimonio riparatore. Nella vita reale la prima a dire no era stata Franca Viola nel 1966.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta