Bossi, ma che fine hanno fatto i diktat di Pontida?

Bossi, ma che fine hanno fatto i diktat di Pontida?

La Pontida 2011 era tra le più attese degli ultimi anni. Dopo il doppio ko, per la maggioranza di governo, alle elezioni amministrative e ai referendum ci si aspettavano segnali importanti. Il più concreto era stato un preciso scadenziario consegnato al governo, di cui per ora sembra essere stata ottenuta solo la sforbiciata ai militari all’estero (800 soldati e 120 milioni in meno all’anno per le missioni di pace). Per il resto, ben poco è stato raccolto. Entro 15 giorni (ovvero entro il 3 luglio) doveva essere approvato in Consiglio dei Ministri (il Parlamento avrebbe poi avuto altri 15 mesi di tempo) il dimezzamento del numero dei parlamentari e l’istituzione del Senato federale. Entro un mese (19 luglio)  dovevano essere approvate misure per la riduzione delle bollette energetiche, si doveva iniziare la procedura per l’abolizione completa delle «ganasce fiscali», si dovevano attribuire nuove forme di autonomia alle regioni, si doveva rifinanziare il trasporto pubblico locale, doveva essere rivisto il patto di stabilità… Allora si parlò di “penultimatum”. Oggi a Bossi sembra essere rimasto solo un tema: «Le pensioni non si toccano». Dovrà cedere anche su quello?

Clicca  per leggere e scaricare i «fatti in tempi certi» in formato pdfLeggi anche:

«Pontida story» Infografica in tre puntate

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter