Che succede? L’Italia cresce più della Germania

Che succede? L'Italia cresce più della Germania

A guardare la crescita del Pil relativa al secondo trimestre dell’anno, rispetto al primo trimestre, c’è da strabuzzare gli occhi: l’Italia ha battuto il consolidato asse franco-tedesco, e la media dell’Eurozona. Paradossi della statistica, la crescita “alla pechinese” di Berlino da marzo a giugno è stata inferiore all’Italia soffocata da quel debito che oggi nessuno sul mercato vuole acquistare. Ecco i numeri: Pil Eurozona II trimestre 2011 +0,2%, italiano +0,3%, tedesco +0,1%, francese 0,0 per cento. Insomma, la sindrome crescita zero non è più soltanto un grande classico dei Paesi che si bagnano sulle sponde del Mediterraneo. Ma per favore non ditelo a Tremonti: altrimenti riprende a dire che va tutto bene e che non c’è nessuna crisi.