L’inutile coraggio delle donne di Calabria

L’inutile coraggio delle donne di Calabria

Maria Concetta Cacciola, 31 anni. Santa Buccafusca, 38. Lea Garofalo, 35 anni. Donne di Calabria che hanno deciso di collaborare con la giustizia, ma non ce l’hanno fatta. Le prime due si sono tolte la vita allo stesso modo, ingerendo acido muriatico; la terza uccisa e sciolta nell’acido. L’ultima è stata Maria Concetta Cacciola che si è uccisa ieri a Rosarno. Oggi i quotidiani parlano della vicenda, ovviamente nelle pagine interne. A onor del vero c’è anche chi brilla per l’assenza, come Repubblica. In fin dei conti aveva solo provato, come le altre, a schierarsi con lo Stato. E ha perduto. Che vuoi che sia. Una notizia di cronaca.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta