Ecco chi comanda nella Cina che viene a “salvarci”

Ecco chi comanda nella Cina che viene a “salvarci”

Nel 2012 l’attuale vicepresidente Xi Jinping succederà (quasi) sicuramente a Hu Jintao come segretario del Partito comunista cinese (PCC). E nel 2013 diventerà presidente della Repubblica popolare. Ma al comando non ci sarà solo lui. I tempi dell’autocratico Mao e del carismatico Deng sono finiti. Per governare Xi avrà bisogno dell’appoggio di leader ambiziosi e influenti come Li Keqiang, Bo Xilai, Wang Qishan, Li Yuanchao. E dovrà poter contare sui vertici della burocrazia, dell’esercito e delle aziende di Stato. I nuovi mandarini cinesi sono uomini spesso sconosciuti al pubblico italiano, ma che insieme alle loro controparti americane ed europee decideranno le sorti del pianeta. Linkiesta ha cercato di scoprire chi sono, cosa vogliono, quali sono le loro storie.

Giunto in Italia l’uomo più potente del mondo, ma non lo conosce nessuno

Xi Jinping è detto «il Signor Pulito» per il suo disinteresse per il denaro, ed è l’erede designato a guidare il Paese.

Li Keqiang, il giurista moderato che farà il Premier in Cina

Oggi Li Keqiang è vicepremier esecutivo e tra due anni dovrebbe prendere il posto del premier Wen Jiabao.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter