Obama punta sul lavoro per salvare sé stesso

Obama punta sul lavoro per salvare sé stesso

Apertura del Financial Times dedicata al piano per il lavoro di Obama da 450 miliardi di dollari. Enfatizzati, nel discorso, i tagli alle tasse cari ai Repubblicani. Basterà? http://goo.gl/WTnGh

Sempre sul Ft, nella penultima conferenza stampa sui tassi della sua presidenza alla Bce, Jean-Claude Trichet rivendica la condotta “impeccabile” dell’istituto di Francoforte. http://goo.gl/q7kVF

Il social media per eccellenza, Twitter, non vuole forzare i tempi per una quotazione, e si “accontenta” di una raccolta di fondi per 800 milioni di dollari. http://goo.gl/fKXAIhttp://goo.gl/fKXAI

Un’inversione a U rispetto a due mesi fa. Così in apertura il Wall Street Journal commenta le parole di Jean-Claude Trichet, che aprono a possibili abbassamenti dei tassi d’interesse. http://goo.gl/gJuqp

Oggi si sono riuniti a Marsiglia i ministri finanziari del G7 per capire come evitare una nuova ondata recessiva dopo quella del 2009, scrive il Wsj. http://goo.gl/Syzpt

Sempre sul Wsj, il dilemma delle economie del Sudest asiatico con i tassi d’interesse: abbassarli e lasciar correre l’inflazione o tenerli saldi e rischiare una recessione? http://goo.gl/8tF51

Sul New York Times il nuovo cantiere del World Trade Center impiega 3200 persone. Le loro storie, perché è importante raccontarle nel ricordo di quanto accadde 10 anni fa. http://goo.gl/E4Ad5

Sul Washington Post, lo spassionato appello di Obama al Congresso: «Dovreste approvarlo il prima possibile». Sul piano da 450 miliardi di dollari per creare nuovi posti di lavoro il primo presidente afroamericano della storia Usa si gioca la rielezione. http://goo.gl/JtBja

Su Christian Science Monitor sei ragioni per le quali gli Usa non saranno in grado di creare nuovi posti di lavoro, nonostante il piano Obama. http://goo.gl/uf2zM

Sull’Independent, un magistrale articolo di Robert Fisk, che racconta l’esito dell’inchiesta sugli abusi compiuti dai soldati inglesi sui civili iracheni, tra cui Baha Mousa, brutalmente torturato. http://goo.gl/CQZj1

Sul Telegraph, il premier inglese David Cameron spinge per un’istruzione più competitiva e in grado di ricucire gli strappi della Big society. http://goo.gl/zQeTP

Le Monde scrive che il peggioramento della crisi europea potrebbe costituire il lasciapassare per una rielezione di Nicholas Sarkozy all’Eliseo nel segno della continuità. http://goo.gl/iRWG9

Su Les Echos, ieri la Corte di giustizia europea ha dichiarato illegale la moratoria francese sul mais geneticamente modificato, ma soltanto per via di insufficienti motivazioni giuridiche, non per il merito della «salvaguardia della salute dei cittadini». http://goo.gl/KVkv2

Su Die Welt l’euroministro per l’Energia Gunther Oettinger chiede che nuovi commissari della troika Ue-Bce-Fmi vengano inviati in Grecia per monitorare le privatizzazioni. http://goo.gl/mx2cg

Su El Economista, gli effetti delle parole di Trichet hanno avuto un impatto maggiore sui listini di Wall Street delle rassicurazioni da Minneapolis del presidente della Fed Ben Bernanke. http://goo.gl/MQjsA

Sul quotidiano Der Standard, l’Ovp, il partito popolare austriaco, si accoda alle misure degli altri Paesi europei e propone un limite al debito pubblico fissato nella Costituzione. http://goo.gl/csP0j