La Lega chiede, il Pdl cede: “congelato il ddl intercettazioni”

La Lega chiede, il Pdl cede: “congelato il ddl intercettazioni”

“Spero che il governo ritiri il ddl sulle intercettazioni”. A parlare è Marco Reguzzoni, capogruppo della Lega Nord alla Camera e, soprattutto, uomo di stretta osservanza bossiana. Uno degli uomini più vicini al Senatùr, uno di quelli considerati depositari di ogni segreto del “Cerchio magico”. È significativo del momento che il monito arrivi da lì: la Lega e perfino Bossi sanno che, un giorno, Berlusconi non ci sarà più. Da oggi è ufficiale: la Lega inizia a lavorare per quel dopo. 
E perchè il dopo non arrivi subito, forse, ecco la pronta risposta di Fabrizio Cicchitto: “Rinviamo il ddl intercettazioni”. Neanche il tempo di chiedere, insomma… A noi resta solo una domanda: ma alla Lega prima piaceva, il ddl intercettazioni?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta