Bravo Saviano, non lasciarti intimidire dalla grammatica: resisti.

Bravo Saviano, non lasciarti intimidire dalla grammatica: resisti.

Saviano, Roberto Saviano, l’uomo che da solo ha osato sfidare la camorra, l’uomo che da solo ha ridestato dal torpore e dall’omertà una regione intera da sempre asservita e contigua alla criminalità organizzata, Saviano dicevamo, l’eroe, il guru, l’intoccabile, è caduto vittima di un’imboscata. Ha scritto qual’è su Twitter, e qualcuno, sicuramente affiliato a qualche cosca, ha osato criticarlo ricordandogli che qual è si scrive senz’apostrofo. Ma lui, integerrimo come solo gli eroi sanno essere, non si è lasciato intimidire e ha così replicato: “Scriverò sempre qual’è, come Pirandello e Landolfi”. E noi siamo con lui, solidali col suo coraggio, la sua ardimentosità. In prima fila nella lotta alla grammatica.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta