Nuovi imprenditori crescono: e sono stranieri

Nuovi imprenditori crescono: e sono stranieri

Più 445% in dieci anni. Dal primo gennaio 2000 al primo gennaio 2011 le società individuali gestite da immigrati sono quintuplicate, da 81mila a 442mila. A dispetto della crisi, nel solo 2010 – anno in cui il Pil italiano ha segnato un timido +1,3% – sono aumentate del 20 per cento. Sono questi i risultati della ricerca realizzata da Cerved Group sull’imprenditoria straniera in Italia nell’ultimo decennio. Linkiesta ne ha parlato con Guido Romano, responsabile dell’ufficio studi del Cerved.

In dieci anni si sono quintuplicate le società individuali gestite da stranieri. Nel solo 2010, in piena crisi, l’incremento globale è stato invece del 20 per cento. Quali sono i fattori che determinano questa crescita?
Si tratta di un fenomeno principalmente di carattere demografico, quando si crea un nucleo di immigrati nascono una serie di esigenze e di servizi per le comunità locali. Si parte dalle imprese individuali, mentre per le società di persone c’è una struttura in più che deriva da un’integrazione più ampia. Abbiamo notato che nel 2010, sebbene in rallentamento, la crescita è rimasta significativa. In un momento di difficoltà a trovare società che assumono per via della crisi e della conseguente riduzione dei costi spesso si decide di mettersi in proprio.

L’Europa dell’Est presenta livelli di integrazione maggiori con gli italiani, rispetto agli imprenditori che provengono dalla Cina o dall’India, come mai?
Ritengo ci siano due fattori. Il primo è culturale: l’adattamento è più veloce per chi viene dall’Est Europa, soprattutto da Polonia, Ucraina e Romania rispetto a un cinese o a un bengalese. Il secondo concerne le società famigliari. Ad esempio, l’alta presenza di donne ucraine tra i piccoli imprenditori e i soci di società di persona deriva dall’alta integrazione con gli italiani. Spesso sono famiglie miste che decidono di aprire un ristorante.

Capitolo donne. Ucraina, Filippine e Polonia guidano la classifica della presenza femminile tra i piccoli imprenditori.
Oltre a quanto detto prima, aggiungo che anche in questo caso c’è un aspetto culturale: in Est Europa il lavoro femminile è la norma, e a differenza di altri Paesi come Egitto e Marocco, il grado di integrazione delle donne è alto.

La Lombardia è la Regione con più imprese gestite da immigrati, la Toscana è la più ospitale. Cosa significa?
Se contiamo il numero di imprenditori immigrati in termini assoluti la percentuale più elevata è in Lombardia (80mila imprenditori stranieri, il 18% del totale italiano, ndr), mentre se li rapportiamo al numero di imprenditori della zona vince la Toscana, dove pesa Prato (il 23% degli imprenditori sono immigrati, il 15% Cinesi, ndr).

La forma societaria prevalente è la società individuale e la società di persone. Ci sono società di capitali?
Abbiamo visto che le società di capitale, specie se di grandi dimensioni, sono ancora poche. Nelle società più strutturate gli oneri amministrativi e finanziari sono maggiori. Considerando come parametri un fatturato superiore a 10 milioni di euro l’anno e un cda interamente composto da stranieri, le società più numerose sono risultate quelle cinesi (12 su 2.735, ndr). Non abbiamo considerato la presenza di amministratori libici, in quanto dipendevano da altri tipi di partnership e interessi nell’ambito degli accordi di cooperazione.  

Leggi anche:

Infografica – L’immigrato è ingegnere ma da noi fa il manovale

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020