I tassisti napoletani non ci stanno e occupano piazza del Plebisicito

I tassisti napoletani non ci stanno e occupano piazza del Plebisicito

Sono già due notti che i taxi napoletani sono parcheggiati in piazza del Plebiscito, davanti a palazzo Reale. La protesta contro le liberalizzazioni è partita: da mercoledì con un passaparola, poi è dilagata. I tassisti dicono no e si definiscono “in stato di fermo”. Si scusano con i clienti attraverso manifesti e messaggi registrati, ma tengono duro. Intanto, non c’è un’auto pubblica in giro, tranne che per malati, bambini e donne incinte. La Prefettura, ieri, ha anche ricevuto una delegazione di tassisti.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter