Napoli, la società che lavorava coi De Magistris ora vince l’appalto

Napoli, la società che lavorava coi De Magistris ora vince l’appalto

Il “Forum dei Comuni per i Beni comuni”, organizzato dall’Amministrazione comunale partenopea guidata da Luigi de Magistris, è costato cinquemila euro. Qualche libera donazione, come quella dell’ex capo di Confindustria, Antonio D’Amato, oggi uomo forte del Terzo Polo e sostenitore di De Magistris contro Gianni Lettieri alle Comunali, che attraverso la sua azienda, la Seda, ha offerto i bicchieri di plastica ai congressisti e per il resto, denaro stanziato con una determina (la 21 del 27 gennaio scorso) del Gabinetto del sindaco, “Gestione eventi pubblici”. Chi ha curato l’allestimento delle due fasi della kermesse (la mattina al Maschio Angioino, il pomeriggio al teatro Politeama) è un’azienda di comunicazione napoletana, la Milagro adv srl. Un nome che non lascia indifferenti coloro i quali s’interessano dei fatti di Palazzo San Giacomo: Milagro adv è la stessa azienda nella quale, fino a qualche mese fa, ha lavorato il fratello di Luigi de Magistris, Claudio, oggi fedele consigliere del sindaco di Napoli.

Com’è arrivata Milagro ad aggiudicarsi il lavoro? Lo spiega la determina comunale. Facciamo un passo indietro. Quando il Comune decide di mettere su l’evento dei Beni Comuni mette in conto che occorrerà allestire tavoli, stampare poster, banner pubblicitari, insomma, far sapere con materiali di comunicazione cos’è il Forum. Dunque il dipartimento di Gabinetto del sindaco invita quattro aziende napoletane «di comprovata esperienza» a presentare una offerta rispetto alle esigenze richieste. Fra il 25 e il 28 gennaio tutte le aziende rispondono: i preventivi vanno da un massimo di 11mila a un minimo di 5868,50 euro per poster, forex, banner, badge eccetera.
Quest’ultima offerta, la più vantaggiosa è di Milagro adv. «Un prezzo veramente molto vantaggioso visti i prezzi di mercato» commenta un operatore napoletano del settore.

Da Milagro, come detto, il fratello del sindaco si è dimesso qualche mese fa. A maggio Claudio de Magistris ne faceva ancora parte: fu proprio la società con sede legale in via Toledo a sposare la causa del candidato a sindaco Luigi curando la sua comunicazione. Milagro è nata nel giugno del 1990 con poco 10 milioni e 200mila lire di capitale. Oggi fa capo Milagros Maria Michilli, Maurizio Michilli, Salvatore Morelli e Amalia Basso. Il fratello del sindaco di Napoli si è dimesso nel momento in cui ha deciso di entrare a far parte dello staff sindacale: è di qualche mese fa la formalizzazione del rapporto tra “il grande fratello” (così è ironicamente chiamato al Comune) e lo staff sindacale. Nella determina comunale si leggeva che «Dal curriculum prodotto dal sig. Claudio de Magistris (non allegato all’atto ndr.) si evince il possesso di capacità ed esperienze consolidate nel settore dell’organizzazione degli eventi e della comunicazione». 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta