Meno borse e meno ricerca, l’università post Gelmini

Meno borse e meno ricerca, l’università post Gelmini

Nelle università l’applicazione della riforma Gelmini si è tradotta in un blocco delle assunzioni dei ricercatori: negli ultimi dodici mesi, a fronte di 13.400 assegnisti (contratto assimilabile al co.co.co.) sono stati banditi solo 500 posti a tempo determinato e 3 contratti destinati all’assunzione a tempo indeterminato. In calo anche le Borse di studio per i dottorati. Tutti i dati nella nostra infografica.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta