A cinquant’anni alle olimpiadi: il segreto? “Mangio cinese”

A cinquant’anni alle olimpiadi: il segreto? “Mangio cinese”

Ha cinquant’anni, ma è arrivato alle Olimpiadi di Londra per giocarsela a ping pong. He Zhi Wen, è di origine cinese, però gareggia per la Spagna. «Col tempo ho perso in riflessi e velocità». Ma «sono molto forte nella battuta, e poi ho la tecnica». La tecnica: con quella se la cava ancora, tanto da giocare ancora a livello professionale e conquistarsi una qualificazione alle Olimpiadi di Londra. Un successo, che lui spiega così: «Mi prendo cura di me. Il mo segreto? Mangio cibo cinese, e dormo molto», spiega.

Nel ranking internazionale è al 41 posto. Nel gioco, ha un modo tutto suo di impugnare la racchetta (quasi come fosse una penna). Se anche gli manca la velocità, non molla mai. Lo si è visto anche domenica: nel match contro il giocatore della Polonia Wang Yi Zeng (anche lui cinese di origine, ma ha 29 anni), He Zhi Wen, detto “Juanito”, stava perdendo per 3 a 0. Ma grazie alla sua esperienza è riuscito a contrastare tutti i colpi e alla fine l’ha spuntata, vincendo per 4 a 3.

Un’impresa memorabile, non fosse che il giorno dopo, lunedì, sia stato battuto per 4 a 3 dal rumeno Adrian Crisàn, che lo ha buttato fuori dai Giochi. Addio medaglia. Per Juanito questa era la terza olimpiade, dopo Sidney e Pechino. «Non so se ce la farò per Rio», ha spiegato, dubbioso, ponderando i suoi cinquant’anni.