Draghi è «il cavallo di Troia» del Sud ma Berlino zittisce le critiche

Draghi è «il cavallo di Troia» del Sud ma Berlino zittisce le critiche

Dopo le parole di Draghi, la stampa tedesca si infiamma ma questa volta la politica teutonica interviene subito con le sacchiate d’acqua. La conservatrice Die Welt, che non è un tabloid, bolla l’ex governatore di Bankitalia come «cavallo di Troia» di noi pigroni meridionali contro i virtuosi nordici. Ma ecco la prima secchiata: le osservazioni di Draghi «sono incontrovertibili» dice il portavoce del governo tedesco Georg Streiter. Sulla stessa linea poco dopo il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble. Così la sempre riottosa Bundesbank rimane sola e Troia per ora è salva.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta