Chi sono i giornalisti «a libro paga» dei tedeschi? Marchionne faccia i nomi

Chi sono i giornalisti «a libro paga» dei tedeschi? Marchionne faccia i nomi

All’assemblea dell’Unione Industriali di Torino, dove ieri è intervenuto, Sergio Marchionne ne ha avuto anche per i giornalisti. «Non sarò certo io a deludere quelli che inneggiano ad un intervento della Volkswagen. Per quanto mi riguarda, do loro il benvenuto come produttori in questo Paese e farò tutto il possibile per facilitare il loro ingresso. Ben venga uno stabilimento Volkswagen nel nostro Paese. Ma a quelli tra di voi che sono sul libro paga di Wolfsburg, chiedo gentilmente di ribadire ai vostri proprietari tedeschi un concetto semplice e chiaro: l’Alfa Romeo non è in vendita». L’amministratore delegato della Fiat ha poi aggiunto: «Ho pensato di dirvelo in piemontese per rendere efficace il senso di quello che intendo e vi chiedo già scusa per la pronuncia: Monsu’ Piech, lassa perde, va cantè ’nt n’autra cort». 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta