Courtney Love racconterà in un musical la sua relazione con Kurt Cobain

Courtney Love racconterà in un musical la sua relazione con Kurt Cobain

“Smell like teen spirit” al posto di “Summer nights”. Kurt Cobain anziché Danny Zuko. E Courtney Love in modalità Sandy Olsson, alle prese con lo scomodo ruolo di se stessa. Il Grease del Grunge – una storia vera, ispirata alla relazione amorosa tra lo scomparso frontman dei Nirvana e la sua storica compagna, fondatrice delle Hole – potrebbe diventare realtà nei prossimi mesi. A rivelarlo è stato Sam Lufti, ex manager di Britney Spears, secondo cui la Love starebbe pianificando la realizzazione di un musical che racconti la sua travagliata relazione con Cobain dall’inizio degli anni ’90 fino al momento del suicidio, avvenuto nel 1994.

Il progetto, precisa Lufti, sarebbe ancora ad uno stadio embrionale: ma l’idea c’è, e lui e Love ci stanno lavorando assieme. “Stiamo pensando sia ad un film che ad un musical a Broadway, decideremo in futuro che strada seguire”, ha dichiarato il manager in tribunale, dove si trovava come imputato in una causa contro l’ex assistita Spears. Lufti non ha voluto aggiungere altro, ma, secondo quanto aggiunge il New York Daily News, la Love starebbe pianificando da lungo tempo un progetto del genere, nell’intento di raccontare al mondo “la sua versione dei fatti”.

Love, forse, non ha mai digerito le insinuazioni avanzate anni fa da Kurt & Courtney, docu-film realizzato nel 1998 da Nick Broomfield che getta una luce sinistra sulla morte del cantante, ipotizzando addirittura la possibilità di un omicidio (commissionato, forse, dalla stessa frontwoman delle Hole). Oppure è rimasta delusa dalla sua “scomparsa” in Last Days, presentato da Gus Van Sant e presentato al festival di Cannes nel 2005. Nella pellicola, che racconta gli ultimi giorni di Cobain prima della sua morte, Courtney Love non compare nemmeno per un istante.

Già nel 2010 si parlò della possibilità di realizzare un film sulla storia d’amore tra Love e Cobain, prodotto dalla Universal: l’indiscrezione, rivelata a quel tempo dal Sun, non ebbe però nessun seguito. Ad interpretare i due biondi rocker sarebbero dovuti essere Robert Pattinson, il vampiresco protagonista di Twilight, e Scarlett Johansson, nei panni della stessa Love. Prima ancora, si disse, fu la Sony ad intuire le potenzialità commerciali di un film del genere: in quel caso, l’azienda giapponese avrebbe chiesto a Zac Efron e Frances Bean Cobain, figlia di Courtney e di Kurt, di impersonare i due protagonisti. 

L’idea, insomma, non è proprio originalissima. E sembra circondata da una sorta di maledizione: ogni volta che se ne parla, il progetto naufraga in pochi mesi. Stavolta, però, con Love a muoversi in prima persona, la storia potrebbe evolversi diversamente. Anche perché, negli anni, la cantante rock – che non detiene i diritti musicali della band – ha saputo trarre grande profitto dall’eredità dell’ex marito, Kurt. Fino al 2012, anno in cui la star ha ceduto i diritti di immagine di Cobain alla figlia Francis, in cambio di 2 milioni e 750mila dollari. 

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter