Pensate casa vostra sia piccola? Guardate questa di 14 metri quadri

Pensate casa vostra sia piccola? Guardate questa di 14 metri quadri

Ti sembra di avere una casa piccola? Forse lo spazio non è sfruttato nel modo più efficace. A volte bastano 14 metri quadrati. Si chiama Keret house ed è la casa più stretta al mondo. È stata progetta dall’architetto polacco Jakub Szczesny.

Szczesny, un giorno di qualche anno fa mentre tornava a casa a piedi, ha notato un piccolo spazio che separava due edifici nel centro di Varsavia. E ha deciso di trasformarlo in uno spazio abitativo. Serviva, però, qualcuno che avrebbe voluto abitare lì. In solitudine. Così è iniziata la collaborazione con lo scrittore israeliano Edgar Keret, famoso per i suoi racconti brevi, con cui l’architetto polacco ha ideato una casa triangolare con spazio sufficiente per una persona.

La casa ha una profondità che varia dai 122 ai 72 centimetri dell’angolo più piccolo. Ma nonostante le dimensioni ridotte, Szczesny è riuscito a rendere abitabili tutti gli spazi. Dall’ingresso alla cucina. Alla casa si accede tramite una scala che parte dal piano terra e arriva al primo livello. La scaletta si apre e chiude a comando per permettere di entrare e uscire dall’abitazione, quando non utilizzata, invece, si trasforma in pavimento. 

L’edificio al primo piano ospita la cucina, il bagno e un piccolo salotto. Una botola permette di accedere a un’altra scala che conduce al secondo piano, dove vi è la zona notte. Un letto, naturalmente singolo, e una scrivania. 

Durante le ore del giorno, la casa appare sorprendentemente luminosa. Le superfici sono state realizzate in policarbonato e tutte in colori chiari, per massimizzare l’effetto profondità degli interni. L’appartamento ha una tecnologia indipendente dai sistemi fognari della città, mentre l’elettricità viene fornita da un edificio vicino.

L’unico svantaggio? La casa non è dotata di riscaldamento, quindi è sfruttabile solo per il periodo estivo, viste le temperature invernali di Varsavia. In realtà, Keret house non può essere considerata un’abitazione regolare, ma si classifica tra le installazioni artistiche. Inaugurata il mese scorso, in teoria dovrà rimanere al suo posto solo per i prossimi due anni. Intanto è già diventata un’attrazione per i turisti.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta