E alla fine De Giorgi, il candidato in quota gay nella lista Monti, ha rinunciato

E alla fine De Giorgi, il candidato in quota gay nella lista Monti, ha rinunciato

Al professor Mario Monti si potrebbe chiedere come mai abbia candidato un omosessuale dichiarato, visto che ha scelto di stare con Casini. Ma sarebbe una domanda politica e glissiamo. Ci chiediamo, però, come mai abbia scelto proprio Alessio De Giorgi la cui società gestisce siti per incontri a pagamento. A questo punto non si comprende la finalità della candidatura: battersi per una legge europea sulle coppie di fatto?, la liberalizzazione della prostituzione?, o prendere qualche voto a buon mercato senza pensarci troppo su?  

p.s: Nel pomeriggio De Giorgi ha annunciato la sua rinuncia alla candidatura. Un no che, alla fine, crea forse meno problemi del sì che non è arrivato…

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter