Mappa delle strutture sanitarie della regione Lazio nel 2011

Mappa delle strutture sanitarie della regione Lazio nel 2011

In rosso gli ospedali e le 21 strutture destinate alla chiusura per il piano di risanamento dei conti della Sanità regionale del Lazio messo a punto da governo nazionale e locale:

ASL Roma A. Municipi I, II, III e IV del Comune di Roma. Ospedale odontoiatrico George Eastman e ospedale Nuovo Regina Margherita.
ASL Roma B. Municipi V, VII, VIII e X del Comune di Roma. Ospedale Sandro Pertini e Policlinico Casilino.
ASL Roma C. Municipi VI, IX, XI e XII del Comune di Roma. Centro traumatologico ortopedico A. Alesini e ospedale Sant’Eugenio.
ASL Roma D. Municipi XIII, XV e XVI del Comune di Roma e il comune di Fiumicino. Ospedale G.B. Grassi di Ostia, Centro Paraplegici di Ostia, Policlinico Luigi Di Liegro nel quartiere Portuense.
ASL Roma E. Municipi XVII, XVIII, XIX e XX del Comune di Roma. Ospedale Santo Spirito, Presidio ospedaliero Villa Betania, Ospedale specialistico Oftalmico.
ASL Roma F. Comuni a nord della provincia di Roma, tra cui Bracciano, Cerveteri, Civitavecchia, Ladispoli, Santa Marinella, Tolfa. Ospedale San Paolo di Civitavecchia, Ospedale Padre Pio di Bracciano.
ASL Roma G. Comuni a est della provincia di Roma, tra cui Colleferro, Guidonia Montecelio, Monterotondo, Palestrina, Palombara Sabina, Subiaco, Tivoli, Valmontone, Zagarolo. Ospedale Leopoldo Parodi Delfino di Colleferro, ospedale Santissimo Gonfalone di Monterotondo, Ospedale Coniugi Bernardini di Palestrina, ospedale Santissimo Salvatore di Palombara Sabina, ospedale A. Angelucci di Subiaco, ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli.
ASL Roma H. Comuni a sud della provincia di Roma, tra cui Albano Laziale, Anzio, Ariccia, Castel Gandolfo, Ciampino, Frascati, Grottaferrata, Marino, Nemi, Nettuno, Pomezia, Rocca di Papa, Velletri. Ospedale San Sebastiano di Frascati, ospedale San Giuseppe di Marino, ospedale San Giuseppe di Albano Laziale, ospedale A. C. Cartoni di Rocca Priora, ospedale di Anzio, ospedale di Velletri, ospedale Spolverini di Ariccia, ospedale di Genzano, Policlinico dei Castelli romani, ancora in costruzione.
ASL Frosinone. Ospedale San Benedetto di Alatri, ospedale civile di Anagni, ospedale Santa Scolastica di Cassino, ospedale civile di Ceccano, ospedale Umberto I di Frosinone, ospedale Pasquale Del Prete di Pontecorvo, ospedale Santissima Trinità di Sora, ospedale civile Santa Croce di Arpino, ospedale civile della Croce di Atina, Hospice riabilitativo Ferrari di Ceprano, Hospice riabilitativo civico di Ferentino, ospedale civile in memoria dei caduti di Isola Liri.
ASL Latina. Ospedale Santa Maria Goretti di Latina, ospedale Regina Elena di Priverno, ospedale San Carlo di Sezze, ospedale Alfredo Fiorini di Terracina, ospedale San Giovanni di Dio di Fondi, ospedale Luigi Di Liegro di Gaeta, ospedale Dono Svizzero di Formia, ospedale Pietro Fedele di Minturno, casa di cura Villa Azzurra di Terracina.
ASL Rieti. Ospedale San Camillo De’ Lellis di Rieti, ospedale Francesco Grifoni di Amatrice, ospedale Marzio Marini di Magliano Sabina.
ASL Viterbo. Ospedale Belcolle di Viterbo, ospedale civile di Montefiascone, ospedale Sant’Anna di Ronciglione, ospedale di Acquapendente, ospedale di Civita Castellana, Istituto Villa Paola di Capranica, ospedale di Tarquinia, Rsa Sorrentino di Faleria.

Fonte: Rapporto 2011 dell’Agenzia di Salute pubblica della Regione 

TORNA ALL’ARTICOLO

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club