Anna Karenina, ritorna sul grande schermo il capolavoro di Lev Tolstoj

Anna Karenina, ritorna sul grande schermo il capolavoro di Lev Tolstoj

Anna Karenina, di Lev Tolstoj, è la storia d’amore e d’adulterio per antonomasia, ma anche un impietoso ritratto dell’alta società russa della seconda metà dell’Ottocento. Il romanzo è stato portato sul grande schermo fin dalle origini del cinema, quando questo era ancora privo di sonoro (Greta Garbo, tra le altre, è stata una famosissima Karenina per ben due volte, prima “muta” e poi parlante).

Il prossimo 21 febbraio uscirà l’ultima versione cinematografica del capolavoro russo. Firmata da Joe Wright, regista inglese habitué degli adattamenti in costume di romanzi famosi (da Orgoglio e pregiudizio a Espiazione) è interpretata da Keira Knightely, già musa di Wright, e da un Jude Law mesto e invecchiato che impersona Karenin, il marito tradito. Accolto con favore dalla critica, il film di Wright, sceneggiato da Tom Stoppard (Oscar per Shakespeare in Love), non si sofferma solo sulla travolgente e infelice storia d’amore tra Anna e il conte Vronsky, ma punta a ritrarre anche la società ipocrita e bigotta del tempo, con le mode e i costumi che la caratterizzavano. Su Linkiesta vi presentiamo in esclusiva una clip tratta dal film: un dialogo tra Anna e suo marito che prelude alla tragedia che verrà. 

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter