Axelrod e l’enigma Berlusconi

Axelrod e l’enigma Berlusconi

Chissà cosa starà pensando David Axelrod, sia del nostro Paese sia dell’immarcescibile Cavaliere. Mario Monti si è affidato a lui per provare a invertire il trend di questa campagna elettorale. Al momento si tratta di una scelta che non sembra dare i frutti sperati. L’Italia non sono gli Stati Uniti d’America. Ed è arduo trovare un antidoto quando Berlusconi si libera dei suoi consigliori (da Letta a Ferrara) e mostra se stesso allo stato puro. Per noi il baratro si avvicina, certo, eppure siamo convinti che Axelrod tornerà a casa meravigliato e forse arricchito professionalmente.  

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta