La parabola di Ruotolo: da Ingroia a Dell’Utri

Il candidato e il condannato di Ingroia

Ma Sandrone, cosa fai? Passo falso dopo passo falso, Ruotolo, inviato di punta di Michele Santoro, colleziona figuracce inspiegabili. Prima, la candidatura con Ingroia. Poi, la sconfitta con Ingroia. Poi ancora, invece di un sano periodo di riflessione, il ritorno immediato al giornalismo (con buona pace di Ingroia). E adesso, l’intervista a Marcello Dell’Utri: condannato per concorso esterno in associazione mafiosa, anche da Ingroia. La maledizione di Ruotolo, è evidente, si chiama Ingroia. Gli ha fatto perdere la testa. E, dopo l’intervista a Dell’Utri, vien da pensare che gli abbia fatto perdere anche qualche scommessa con Santoro.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta