Gli scontri tra maroniani e bossiani a Pontida

Video

Gianluca Pini, segretario romagnolo parla e inizia la contestazione. È ritenuto un maroniano e un gruppo di veneti bossiani con le maschere del segretario trasformato in Pinocchio fischia. Ne nascono spintoni e urla a brutto muso tra i militanti sul pratone. Qualche mano di troppo si alza. Più tardi Bossi chioserà, dal palco: «Fratelli, le mani usatele per darvele in segno di pace, non per altro. Altrimenti se ci vedono litigare farete soltanto contenta Roma e servi lecchini del potere, i giornalisti»

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club