Portineria Milano«Nella Lega Nord litigano solo per le poltrone»

Parla l'ex leghista Comencini: «Bossi non ha mai espulso nessuno? Mi viene da ridere»

«Mi viene da ridere quando sento Bossi che dice di non aver mai espulso nessuno…». Fabrizio Comencini, ex leghista, è in questi giorni ricomparso più di una volta nei discorsi che hanno accompagnato il consiglio nazionale della Lega in Veneto dove Flavio Tosi ha espulso 35 tra dirigenti e militanti. Lui fu uno dei primi epurati, proprio dal Senatùr, nel lontano 1997. «Forse Bossi aveva paura che mi prendessi la Liga, nel ’96 avevamo fatto il 31% da queste parti». Nei giorni in cui il Carroccio appare come un malato terminale Comencini, ora segretario generale della Liga Veneta Repubblica, commenta: «Sono solo lotte di potere per le poltrone, non hanno un’idea politica che sia una. Bossi non è più il leone di una volta, ma allo stesso tempo sono tutti appesi alle sue decisioni».

Perché la fece fuori il Senatùr?
Avevamo presentato una mozione per l’indipendenza del Veneto in consiglio regionale. Passò, anche con i voti di Forza Italia, poi ci fu bocciata dalla Corte Costituzionale, ma fu un grande successo.

A Bossi non piacque?
Ricordo che all’epoca l’Umberto era se non sbaglio a una riunione con Zhirinovsky…. Il giorno dopo la mozione comparve un editoriale sulla Padania, a firma Il Capitano, che diceva che avevamo sbagliato tutto: era lui che ci ammoniva del passo falso.

Dopo?
Io diedi subito le dimissioni, ma iniziò a montare una protesta spaventosa dentro il movimento. Molti mi diedero soldiarietà e dopo una breve tregua, ricordo che fu l’ex autista di Bossi Pino Babbini a dirmelo: guarda che ti fanno fuori.

Ora le espulsioni sono per i fischi di Pontida sul pratone
Litigano solo sulle poltrone. Per i posti persi in parlamento. Parlo qualche volta con i consiglieri leghisti in regione Veneto e non ce n’è uno che mi dica davvero che progetto hanno in mente loro o Bossi. Non ce l’hanno, sperano che sia ancora una volta il vecchio Capo a tirare fuori dal cilindro un’idea. E poi non capisco Tosi…

Pare che il sindaco di Verona abbia in mente una Csu bavarese
Vuole fare il grande centro, ma con le persone di cui si circonda non vedo davvero dove possa andare. Ci sono esponenti di Casa Pound, della Fiamma Tricolore e altri di estrema destra. Insomma non proprio dei moderati.

Bossi li definisce i «fascisti» di Verona con i guanti neri
Andrea Miglioranzi che ha fatto la campagna elettorale per Tosi era della Fiamma Tricolore…

Quindi dove va a finire la Lega? Maroni ha vinto in Lombardia e ha lanciato la macroregione
È stato bravo, si è dato un ruolo amministrativo, ma si capisce cosa vuole davvero fare Maroni? La macroregione? Io non l’ho ancora vista. La domanda vera è un’altra.

Quale?
Grillo risponde a problemi dell’Italia, ai problemi degli imprenditori e di questo territorio? Mi pare proprio di no. La Lega lo fa? Ha perso più di 300mila voti e alle prossime elezioni amministrative andrà ancora peggio.

Quindi la Lega non si salva?
Bossi non è più quello degli anni ’90. Servono idee e progetti, una volta faceva anche quattro comizi al giorno, come Beppe Grillo. La politica la fanno le gambe degli uomini

Non c’è nessuno nella Lega che la convince?
Zaia poteva dare alcune risposte, ma è sempre lì che tentenna. Un giorno dice di essere a favore dell’indipendentismo del Veneto, un’altra volta no. Non ci sono gli uomini, non ci sono le idee. In questo il Partito Democratico mi sembra più forte rispetto a tutti gli altri partiti.

Perché siamo arrivati a questo punto dentro il Carroccio?
Tutti, da Zaia a Maroni, sono stati abituati a vivere in un partito «leninista», a rispettare gli ordini che arrivavano dal Capo. Ora sono tutti lì che non sanno che decisioni prendere, non strappano e non hanno un progetto. Io la Lega davvero non so dove finirà…

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta