Vendola fece cadere Prodi e ora si fida solo di lui

A 15 anni dalla caduta del Professore

«Non vorrei mettere in imbarazzo Prodi, è un nome talmente autorevole che non ha bisogno di avvocati difensori. Ma trovo intollerabile pensare che si possa immaginare la sua esclusione». Lo ha detto Nichi Vendola, ospite a In Mezz’Ora di Lucia Annunziata. Insomma, Vendola si fiderebbe di Prodi al Quirinale. Non si è “fidato” di Prodi quindici anni fa, nel 1998, quando Rifondazione Comunista (Vendola incluso) tolse la fiducia al governo del professore di Bologna. Durante un’intervista a Vittorio Zincone nel 2012 disse: «La caduta di Prodi è stata la fotografia di un limite storico di tutti gli attori in commedia». Prendiamo atto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta