Meglio i Btp dei prestiti, la radiografia di Bankitalia

I dati del rapporto sulla stabilità finanziaria

Oggi alla presenza di ministri, banchieri e imprenditori il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, presenterà le Considerazioni finali. Un appuntamento che, come di consueto, fornirà le riflessioni di via Nazionale sulla politica economica e sullo stato di salute degli istituti di credito. Dall’ultimo rapporto sulla stabilità finanziaria pubblicato ad aprile, come si evince dall’infografica, emerge un quadro che indica con chiarezza come l’emergenza sia tutt’altro che finita. Gli istituti di credito non erogano, nonostante la leggera diminuzione dei tassi d’interesse, che rimangono comunque elevati, tra il 4 e il 6 per cento. Esplodono i tassi di ingresso in sofferenza – i prestiti che difficilmente le banche riusciranno a recuperare – in rapporto allo stock totale dei finanziamenti, e il loro tasso di estinzione, cioè la percentuale effettivamente recuperata. Al contrario, ormai i bond del Tesoro coprono in media il 40% del portafoglio titoli detenuti dalle banche. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta