Sette anni per dire “il Porcellum è incostituzionale”

Sette anni per dire “il Porcellum è incostituzionale”

E così in un’anonima mattina di maggio del 2013 l’Italia apprende da Repubblica che per sette anni potrebbe aver vissuto in un regime anticostituzionale. Legge, sulle pagine già riprese dai quotidiani online, che la Consulta ha accolto il ricorso di un avvocato milanese contro il Porcellum, «una legge vergognosa, un imbroglio pazzesco, che produce un Parlamento di “nominati” e non di eletti», quindi di fatto «contro la Costituzione», perché gli italiani «non eleggono i loro rappresentanti». Peccato che con il Porcellum gli italiani abbiano votato per ben tre tornate elettorali. E che quella legge sia responsabile dello stallo politico in cui il Paese si trova. Buongiorno Corte costituzionale.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta