L’Onu sospetta l’uso di armi chimiche in Siria

Conflitto siriano

«Ci sono fondati motivi di ritenere che quantità limitate di sostanze tossiche siano state utilizzate» in Siria. Lo ha affermato la Commissione Onu d’inchiesta sulle violazioni dei diritti umani in Siria, che ieri ha presentato davanti al Consiglio dei diritti umani riunito in sessione un rapporto che copre il periodo tra il 15 gennaio e il 15 maggio.

Il rapporto cita quattro attacchi in cui sarebbero state utilizzate armi chimiche. Tuttavia «non è stato possibile, sulla base delle prove disponibili, determinare i precisi agenti chimici utilizzati, i loro sistemi di rilascio e gli autori. Altri incidenti rimangono sotto inchiesta».

L’uso di gas tossici da parte del regime di Assad era già stato denunciato dal quotidiano francese Le Monde il 27 maggio 2013 nel reportage “Guerra chimica in Siria”. Nell’articolo, i due reporter francesi hanno riferito di aver assistito al lancio di sostanze chimiche contro i ribelli e di averne subito gli effetti in prima persona.


Guerre chimique à Damas di lemondefr

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta