Il ragazzo che mette in crisi la segretezza di Apple

Leak tecnologici

Il suo nome è Sonny Dickson; il suo sito internet omonimo, SonnyDickson.com, è diventato un caso internazionale.

È qui, infatti, che l’adolescente australiano pubblica senza sosta anteprime fotografiche dei nuovi prodotti sviluppati da Apple. L’ultima, per esempio, mostra la custodia esterna del nuovo iPhone 5S, dorata e argentata con bordo bianco e rifinitura cromata. Lo smartphone arriverà nei negozi solo nelle prossime settimane, e non è ancora stato presentato ufficialmente.

Un’operazione di spionaggio che sta mandando Apple su tutte le furie: negli ultimi mesi, Dickson ha mostrato al mondo l’aspetto di prodotti non ancora in commercio. Tra questi, l’iPad Mini 2 e l’iPhone 5C (meno costoso), ma anche altri prototipi e prodotti di altre marche, come Samsung. Dalle parti di Cupertino, dove la segretezza sulle nuove creazioni è sempre stata massima, un team appositamente creato sta cercando di capire come fermare l’emorragia di informazioni causata dal ragazzino australiano.

Come fa? Secondo Philip Elmer-DeWitt di Fortune, Dickson acquista le fotografie direttamente dai dipendenti Apple in Cina. Per contattarli, utilizza il proprio profilo su Weibo – il più conosciuto social network cinese – e si serve di Google Translate per riuscire a comunicare. Recupera i soldi spesi attraverso gli annunci pubblicitari sul sito che, spiega,«gli permetterebbero di comprarsi una borsa di Louis Vuitton nuova ogni mese». Del resto, il mese scorso SonnyDickson.com ha attirato oltre un milione e trecentomila pagine viste.

Ora Apple lo sta controllando da vicino: secondo Dickson, il suo sito è stato visitato più di 900 volte da indirizzi IP localizzati nella sede dell’azienda a Cupertino, e 67 volte da IP degli uffici della US Homeland Security. Il rischio, per lui, è che i soldi della pubblicità non gli bastino nemmeno per coprire le spese legali di un’eventuale processo contro Apple. Un processo che, oltretutto, rischierebbe di perdere quasi sicuramente. Lui, comunque, non si dice preoccupato: «Alcuni pensano che io stia violando la legge, ma non sanno veramente quello che faccio», ha spiegato a Fortune.

Ecco alcune dei leak pubblicati da Dickson:

L’iPhone 5s Graphite

L’iPhone 5C Red

L’iPad Mini dual microphone (prototipo)

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta