Ecco i server che hanno cambiato la storia del mondo

Storie d’informatica

E adesso è arrivato il momento di fare un po’ i nerd.State sereni però, e nonfatevi impressionare dai termini tecnici che incontrerete, non sono le sigle di un codice fiscale ma nomi di componenti (o di unità di misura) utili a realizzare strumenti che in un certo senso hanno cambiato anche la vostra vita. Stiamo parlando dei server più importanti della storia dell’informatica. Noi ne abbiamo scelti alcuni tra quelli selezionati da Vibrant.com.

1. Sun Ultra 2
Il Sun ultra 2 è stato il primo server ad ospitare il primo motore di ricerca di Larry Page e Sergey Brin, quello che oggi tutti conosciamo con il nome di Google, all’epoca si chiamava Backrub.
Nel 1998 Backrub è stato ospitato su un Ultra 2 con una CPU dual da 200Mhz e 256MB di RAM all’università di Stanford. È da qui che ha preso il via tutta la storia di Google, un avvio in sordina considerando che ora ci sono circa 450mila server nei datacenter di Google in tutto il mondo.

2. Steve Jobs e il sever creato nell’anno sabbatico
La NeXT e il suo prodotto di punta NeXT cube sono spesso considerati dei fallimenti nella vita di Steve Jobs. Si tratta di due creature realizzate entrambe durante l’anno sabbatico di Jobs alla Apple. Tuttavia nonostante i suoi difetti, il NeXT cube resterà per sempre nella storia come il primo web server. Il World wide web infatti è nato su un NeXTcube con una CPU a 25Mhz, 2 GB di disco rigido e un monitor in scala di grigi. Tim Berners-Lee ha messo la prima pagina web online il 6 agosto 1991 mentre lavorava per il CERN di Ginevra. Ha inoltre progettato il primo browser web sul sistema operativo NEXTStep. Nel 1996 Apple Computer ha acquisito NeXT insieme a diversi componenti del sistema operativo NeXTStep che sarebbe stato fondamentale per lo sviluppo di Mac OS X.

3. Sage, il computer più grande del mondo
Prima che internet diventasse quello che è oggi, Sage la prima rete su vasta, scala era già pienamente operativa. Si tratta di una rete di computer progettata da IBM al MIT nel 1956 per l’aviazione che venne utilizzata come sistema di difesa aerea. Ogni AN/FSQ-7 (i computer IBM su cui si basava Sage) utilizzava 55.000 tubi a vuoto e occupava quasi mezzo ettaro di spazio nel datacenter. È stato il più grande computer della storia e la sua dimensione probabilmente non sarà mai superata. Questo server supportava un doppio processore a 32 bit. Una volta provato si scoprì che SAGE probabilmente non sarebbe stato adatto per il suo scopo di difesa aerea,  e l’AN/FSQ-7 rimase in produzione fino al 1985.

4. La genesi della macchina UNIX
DEC PDP-7 è stato rilasciato nel 1965, ma fu nel 1969 che divenne famoso quando Ken Thompson e la sua squadra svilupparono il sistema operativo Unix. In sostanza, Thompson aveva buona dimestichezza con il sistema operativo MULTICS e stava sviluppando un gioco chiamato Space Travel. Il suo intento era quello di realizzare funzioni avanzate, come ad esempio dei pianeti rotanti all’interno del gioco stesso, che tuttavia non era possibile realizzare con il sistema operativo MULTICS. L’intuizione di Thompson fu quella di realizzare un nuovo sistema operativo soprannominato UNICS, poi evoluto definitivamente in UNIX

5. Deep Blue, il computer campione di scacchi
Quando il campione del mondo di scacchi Garry Kasparov perse una partita a scacchi contro il computer Deep Blue della IBM, il 10 febbraio 2006, tutto il mondo era sull’attenti. Deep blu girava sul sistema operativo AIX. Si può dire che la sfida tra Deep Blue e Kasparov diventò più di uno spot di marketing per IBM. Al tempo stesso si trasformò però nella favola moderna che incarnava le paure collettive su ciò che la tecnologia avrebbe potuto realizzare in sostituzione dell’uomo.