SpecialeCrisi Ucraina, è guerra economica tra Mosca e Occidente

Lo scontro sulla Crimea

La cronaca, il ruolo della diplomazia e lo scenario internazionale.

Le nostre analisi:

Il presidente ucraino Viktor Yanukovich ha fermato il novembre scorso la firma di un Accordo commerciale di libero scambio tra Unione europea e Ucraina. Da quel giorno, migliaia di manifestanti pro Ue hanno occupato le piazze di numerose città ucraine. Le proteste più grandi si sono verificate a Kiev, in Piazza Indipendenza (Piazza Maidan). I manifestanti, guidati dall’opposizione al governo di Yanukovich, hanno chiesto nuove elezioni. Per giustificare la decisione presa,il presidente ucraino in occasione del Vertice del Parternariato orientale di Vilnius di fine novembre ha dichiarato che «sfortunatamente lUcraina nellultima fase è rimasta sola ad affrontare i suoi gravi problemi economici e finanziari». Dietro la decisione di Yanukovich si cela l’ombra di una Russia intenzionata a mantenere Kiev nella sua orbita, e a creare una Unione doganale euro-asiatica parallela all’Unione europea. Martedì 17 dicembre Yanukovich ha firmato un accordo con la Russia che prevede l’abbassamento del prezzo importato da Mosca e 15 miliardi di dollari russi investiti in titoli di stato ucraini.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta