Staffetta Renzi-Letta? I mercati se ne fregano, per ora

L'Italia e la zavorra dell'instabilità

Un eventuale cambio non fa paura. I mercati finanziari non temono la staffetta tra Enrico Letta e Matteo Renzi alla guida del governo. Anche nel caso avvenisse, il messaggio è sottinteso: o si procede con le riforme strutturali entro la fine della prossima estate oppure potrebbe tornare la pressione sullItalia, nonostante la presenza della Banca centrale europea (Bce). Il tempo sta per scadere. E mentre diversi Paesi, come Irlanda e Portogallo, hanno migliorato in modo sensibile la loro situazione sui mercati obbligazionari, lItalia rischia di fare il percorso inverso proprio a causa allinstabilità politica.

«Cosa accade in Italia? Siete di nuovo a discutere su un nuovo governo?». Esordisce così un vice president di Nomura in un sms. E alla risposta che stanno aumentando le possibilità che Matteo Renzi diventi il nuovo presidente del Consiglio senza nemmeno passare dalle urne, dagli sms si passa alla telefonata. Una chiamata lunga, più incuriosita che tesa, nella quale vengono ripetute tre parole su tutte: riforme, crescita, stabilità. Servono le riforme strutturali, occorrono misure per il ripristino della domanda interna, urge una stabilità di fondo per rendere credibile il Paese. Da quando è caduto lultimo governo legittimamente eletto, quello di Silvio Berlusconi, lItalia ha cercato di ritrovare la credibilità. Doveva farlo a colpi di riforme, doveva farlo a suon di mutamenti strutturali nella sua pachidermica struttura. E salvo alcuni sussulti, come la riforma delle pensioni e altre piccole iniziative come il piano Destinazione Italia, sia lesperienza di Mario Monti sia quella di Enrico Letta sono state al di sotto delle aspettative. Cosa succederebbe in caso di rimpasto? «La nostra posizione rimane positiva sui Btp, ma molto dipenderà dai prossimi mesi», spiega la banca nipponica in una nota. 

Poi, dopo Nomura, arriva la chiamata di un altro banker, questa volta di Deutsche Bank. «LItalia è sempre la stessa, non è così?», dice con una risata che sa di agrodolce. La condizione fiscale dellItalia è migliorata nel corso degli ultimi due anni e il consolidamento delle finanze pubbliche, debito a parte, è stata netta. Ma quello che manca è quella «spinta in avanti» che invece hanno fatto altri Paesi sotto stress tra 2010 e 2012. «Perfino la Grecia ha dato dimostrazione di impegnarsi più dellItalia», continua. Lamaro lascia il posto alle risate quando si parla di riforme. «La legge elettorale ancora latita e questo ritardo non fa altro che ridurre le prospettive sullItalia», va avanti. Stabilità significa anche avere una legge capace di rendere governabile un Paese con un debito da oltre 2.000 miliardi di euro e un rollover di circa 400 miliardi lanno. Stabilità significa evitare di creare una crisi di governo ogni due mesi. Sono lontani i tempi in cui i rendimenti dei titoli di Stato italiani erano ai massimi dallintroduzione delleuro. E sono lontani anche i giorni in cui il Tesoro sondava i vari piani di contingenza sia internamente sia con Commissione europea e Fondo monetario internazionale. Sono lontani, ma sono anche terribilmente vicini, complice linazione dellattuale esecutivo. 

«Considerato tutto il caos di questi giorni, per fortuna che cè la Bce, alla fine». Così commenta a Linkiesta una fonte governativa. È la verità. E lo sanno anche le banche dinvestimento, che si sono mostrate molto caute sullessere negative intorno a Roma. Già in una nota di stamattina, la londinese Barclays aveva escluso un ritorno della grande paura intorno allItalia. Anche in caso di rimpasto – hard o soft poco importava – non ci sarebbero state grandi sorprese sul mercato obbligazionario. Le stesse indicazioni sono arrivate anche da Goldman Sachs, J.P. Morgan, Société Générale e HSBC. La cristallizzazione delleurozona, dovuta soprattutto alle Outright monetary transaction (Omt) della Bce, è servita a tranquillizzare gli investitori fino a oggi. E sono mesi che si attende una scossa concreta alleconomia, alla giustizia, al fisco. Per questo lItalia potrebbe presto tornare al centro dei pensieri degli investitori. La deadline, informale, è settembre. Se non ci saranno riforme, se non ci sarà il cambiamento della legge elettorale, se non saranno fornite indicazioni prospettiche sulla strada intrapresa dal governo, qualunque esso sia, la pressione intorno allItalia non potrà che ritornare. Pressione che potrebbe essere ancora più elevata nel caso lAsset quality review (Aqr) della Bce evidenzi una rilevante carenza di capitale per le banche italiane. 

Sullo sfondo della guerra fra Letta e Renzi, cè però uno scenario peggiore. Quello del taglio del rating sovrano dellItalia. Il prossimo venerdì infatti l’agenzia di rating Moodys si esprimerà ufficialmente sul giudizio del Paese, attualmente a livello Baa2 con outlook negativo. Considerata lattuale incertezza e la persistente difficoltà a implementare le riforme utili allItalia per risalire nel china e trovare una stabilità di lungo periodo, Moodys potrebbe anche optare per un taglio di una nota al rating italiano, portandolo a Baa3. A un passo quindi dal grado “Junk”, spazzatura. E secondo la denominazione ufficiale, l’Italia sarebbe considerata come uno di quei Paesi con «obbligazioni caratterizzate da elementi speculativi; nel lungo periodo non possono dirsi garantite bene». Una nazione nella quale «la garanzia di interessi e capitale è limitata e può venir meno nel caso di future condizioni economiche sfavorevoli». Secondo diversi operatori finanziari si tratta di una decisione possibile e con effetti potenzialmente devastanti. «Ci sarebbe un avvitamento pericoloso, capace di portare in fretta a un altra sforbiciata», spiega una fonte bancaria. Se così fosse, sarebbe assai poco rilevante se a Palazzo Chigi ci fosse Letta o Renzi. La tempesta perfetta inizierebbe comunque. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta