Il cattivo giornalismo che vede malizia dove non c’è

Ma quale scherno sull'Italia!

Raccontano che quando qualcuno stamattina ha tradotto al presidente del Consiglio Herman Van Rompuy il fondo del Corriere della Sera sui «sorrisi» e le «offese», il fiammingo e il suo portavoce, Dirk De Backer, non credevano ai loro occhi. Un fondo firmato Pierluigi Battista in prima pagina in cui si parla nientemeno che di «schiaffo gratuito», «unoffesa che lItalia non merita».

Ci hanno messo un poa capire di che diavolo stesse parlando leditorialista del primo giornale dItalia, mentre dallItalia piovevano richieste di «scuse ufficiali» da parte di Van Rompuy, le stesse invocate anche nel titolo delleditoriale. Quando si dice cattivo giornalismo, e la fantasia al potere. La cosa – lo sa chiunque si sia letto i giornali oggi, o i rispettivi siti con video incorporato – è nata dalla faccia perplessa di Van Rompuy e del presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso, quando un giornalista, ovviamente italiano, ha posto – senza precisare a chi dei due fosse rivolta – una domanda sui famosi «margini» di bilancio per il governo Renzi e la sua idea di poter aumentare il deficit, questione che evidentemente da settimane toglie il sonno ai giornalisti nostrani.

Una domanda oltretutto piovuta dal nulla in un contesto in cui si parlava di tuttaltro. Chi scrive era presente e ha potuto osservare la scena (oltre a rivederla in video): i due erano semplicemente sorpresi, e oltretutto non sapevano chi dei due dovesse rispondere. Niente a che vedere con il sorriso sarcastico e un evidente body language dell’allora presidente francese Nicolas Sarkozy quando gli fu chiesto – era il 2011 (chi scrive era presente anche lì, a pochi metri) che pensasse di Berlusconi. No, quelli di Van Rompuy e Barroso non erano «sorrisini» di scherno, come si èinvano affannato a spiegare lo stesso portavoce De Backer – guarda caso ripreso esclusivamente da Reuters e dallAgi (che si avvale dellagenzia britannico-canadese) e da nessunaltra: «si èvolutamente travisato un sorriso – ha assicurato De Backer -Van Rompuy e Barroso volevano solo coordinarsi su chi avrebbe dovuto rispondere al giornalista. Gli articoli dei giornali non meritano ulteriori commenti». Lo stesso Renzi ha confermato poi la versione: «Ho trovato la ricostruzione su  presunti sorrisi tra Van Rompuy e Barroso lontana dalla realtà».

Niente da fare, la corsa alla notiza “sexy” prevale, al pari di un certo compiaciuto autovittimismo italiano. Certo, brucia il ricordo delleffettivamente umiliante sarcasmo di Sarkozy – unoggettiva caduta di stile, qualunque idea si abbia di Berlusconi – ma il vizio italiano di decontestualizzare le notizie purchéfacciano titolo èirrefrenabile. Parlando con varie fonti Ue, sia della Commissione, sia del Consiglio Ue, si sentono giudizi positivi e ottimisti su Renzi, parole di incoraggiamento e sostegno, e speranza che le riforme da lui promesse divengano effettivamente realtà. Le foto e i video degli incontri di Renzi – separati – in questa due giorni a Bruxelles per il Consiglio Europeo, prima con Barroso, poi con Van Rompuy, parlano una lingua di cordialità e rispetto, non certo di disprezzo e sarcasmo. Ben altra la situazione del Berlusconi di fine 2011, quando lo si vedeva isolato al vertice del G8 a Cannes, e diplomatici tedeschi e francesi non esitavano a parlarne in toni non esattamente lusinghieri, mentre vari leader ostentavano unevidente freddezza. Non a caso pochi giorni dopo la famosa risata del francese il Cavaliere doveva dimettersi per far posto a Mario Monti, mentre gli spread tornavano a schizzare alle stelle.

Il contesto, ripeto: lo sgradevole sarcastico sorriso di Sarkozy – assolutamente impossibile da equivocare – era figlio di quel clima. Il sorriso imbarazzato di sorpresa e di cortesia reciproca («parlo io? no prego, rispondi tu») di Van Rompuy e Barroso ètutta unaltra cosa, e oltretutto non avrebbe senso un evidente sarcasmo in un contesto in cui Bruxelles è compatta nel dare tutto il sostegno a Renzi, visto come forse lultima spiaggia, lultima speranza per far ripartire la terza economia delleurozona che rischia altrimenti di trasformarsi in potenziale minaccia per tutta leurozona. Seppellire lattuale premier italiano con un sarcastico «sorrisetto» è l’ultima cosa che si sogna Van Rompuy e Barroso. Ma non c’èniente da fare.

Qualche mese fa unagenzia video riprese un minuto in cui, durante un summit europeo, Angela Merkel passava davanti allallora premier Enrico Letta che accennava a porgerle mano, ma lei non se ne accorgeva. Titolo dellagenzia: «Gelo Letta-Merkel», naturalmente ripreso senza verifiche da agenzie e giornali. Peccato che solo poche ore prima si fosse visto parlare Letta fitto fitto con la Merkel, cordialmente. E solo pochi giorni prima fosse stato ricevuto in pompa magna a Berlino. Perchémai avrebbe la cancelliere dovuto «gelare» Letta? La Merkel ripresa nel video dellagenzia, semplicemente voleva andare a salutare un altro leader, e non si era accorta della mano tesa di Letta. Tutto qui. Ma così non èsexy. Viva la fantasia. Viva il «gelo» e le «offese». Con buona pace del giornalismo. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta